Sotto il segno di Dublino

Nel 2009 dai Paesi membri dell’Unione europea sono giunte all’Italia quasi 11.000 richieste di trasferimento di richiedenti asilo in applicazione al regolamento “Dublino II”. Poco meno di 2.700 i trasferimenti eseguiti.

Crescono da parte dei Paesi membri dell’UE le richieste di trasferimento e i trasferimenti in Italia di richiedenti asilo in applicazione al regolamento “Dublino II” (2003/343/CE). In calo, invece, i dati del flusso reciproco dall’Italia ai Paesi membri.

Nel 2009 sono giunte all’Italia dai Paesi membri (ai quali nel 2008 si è aggunta la Svizzera) poco meno di 11.000 richieste di trasferimento (contro le 6.000 del 2008), mentre l’Italia ne ha avanzate meno di 1.400, contro le 1.900 del 2008. Analogo il trend dei trasferimenti effettivi di persone: quasi 2.700 quelli eseguiti nel 2009 dai Paesi membri all’Italia (erano stati 1.300 nel 2008), mentre dall’Italia, nello stesso 2009, ne sono stati effettuati solo 47 (124 nel 2008).

 

Allegati:

Tabella in formato Adobe Reader (.PDF) Scarica Visualizza
Tabella in formato MS-Excel (.XLS) Scarica Visualizza


  Ultimo aggiornamento Giovedì, 13 Ottobre 2011 23:50  

Lascia un commento


Bookmark and Share

Categorie

Archivio

Attualità

Asgi: raccomandazioni per un’emergenza che non esiste

Emergenza: a ogni sbarco o arrivo di migranti sul territorio italiano questa parola risuona sui mezzi di comunicazione e nelle analisi politiche, ancora di più in questi giorni nei quali la campagna elettorale per le elezioni del Parlamento europeo sta entrando nel vivo. Affrontare il fenomeno delle persone in fuga dal proprio Paese sotto le [...]
24 Aprile 2014

L’Adriatico? Non è frontiera d’asilo

Nei porti di Venezia, Ancona, Bari e Brindisi nel 2013 sono stati fermati 1.317 migranti irregolari. Otto su 10 sono stati riconsegnati alla Grecia in base a un discusso accordo bilaterale. Medu: “La maggior parte avrebbero avuto tutti i requisiti per chiedere protezione in Italia”.
23 Aprile 2014

Diritto d’asilo, diritto al lavoro

Abbiamo presentato di recente un rapporto del Consiglio d’Europa sul tema “lavoro e diritto d’asilo”, un documento che non cita l’Italia. Ma che cosa succede nel Belpaese?
16 Aprile 2014

Basta con le politiche dell’emergenza. I comunicati stampa dei coordinamenti del Piemonte e della Lombardia

Le ondate di sbarchi degli ultimi mesi (ndr le ultime stime ufficiali parlano di 18.000 arrivi) hanno fatto emergere, in una maniera lampante, una contraddizione foriera di critiche e di dubbi: ancora  una volta le scelte politiche delle istituzioni italiane si stanno orientando sull’emergenza. Riportiamo qui i comunicati del Coordinamento Non solo Asilo della regione [...]
12 Aprile 2014

Asilo, i primi dati 2014 nell’Ue “allargata”

Per i primi mesi dell’anno i dati dell’Easo confermano l’elevatissima incidenza di richiedenti siriani nell’area dell’Unione europea “allargata” (i 28 Paesi membri più Svizzera e Norvegia). Ma i Balcani occidentali si confermano come la macro-regione da cui provengono più richiedenti. Il “nuovo” flusso di richiedenti dal Gambia.
12 Aprile 2014

Rimpatri: 39 le “operazioni congiunte” di Frontex nel 2013

Fra 2006 e 2013, le operazioni congiunte di rimpatrio forzato coordinate dall’agenzia per il controllo delle frontiere dell’Ue sono state 209, con 10.855 migranti rimpatriati.
07 Aprile 2014

Per un disguido tecnico…

Per un disguido tecnico, nel fine settimana il sito di Vie di fuga non è stato consultabile on line. Risolto il problema, ce ne scusiamo con tutti i lettori.
07 Aprile 2014

Storie di fuga, storie “italiane”

Una storia di guerra e di esilio raccontata dal protagonista, un giovane rifugiato del Sierra Leone. Ma anche una storia molto “italiana”: lo sbarco, il Cara, il pezzo di carta della protezione umanitaria, la liberazione dalla strada solo grazie a un incontro fortunato. E adesso, il lavoro faticoso «di ricostruire per l’ennesima volta la mia [...]
01 Aprile 2014
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

Leggi gli articoli in altri modi:

oppure
Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere la newsletter: