Rifugiati: «Terre senza promesse» – Corriere della Sera 19-10-2011 pag.10

CENTRO ASTALLI

Rifugiati: «Terre senza promesse»

Somalia, Eritrea, Etiopia: da questi paesi proviene la maggior parte delle persone che salpano dalla Libia per cercare asilo in Italia. Sbarcano sulle coste del nostro paese in condizioni disperate, e di loro non sappiamo molto, anzi nulla. L’ unica cosa che spesso pensiamo è che sono troppi. Ma adesso le loro vicende sono diventate un libro: «Terre senza promesse», storie di rifugiati in Italia (Avagliano editore), curato dal Centro Astalli, il servizio dei Gesuiti per i rifugiati. Verrà presentato questa mattina in Campidoglio (ore 10.30 sala della Protomoteca, piazza del Campidoglio 55) dal direttore di radio vaticana, padre Federico Lombardi, dal presidente del Pontificio collegio per i migranti monsignor Antonio Maria Vegliò e dalla scrittrice Melania Mazzucco che ha sottolineato come «le rotte delle migrazioni non sono a senso unico: sono strade aperte, segnate dalla fame, dalle guerre, dalla storia. La mèta di ieri è il punto di fuga di oggi». L’ attore Massimo Wertmuller reciterà alcuni brani tratti dal volume e vi sarà un intervento video dello scrittore Andrea Camilleri. Il Centro Astalli che da anni si impegna nel difficile compito di far conoscere chi sono i rifugiati in Italia, le loro storie e i motivi che li hanno portati fin qui. E con questo libro ha voluto dar voce ai racconti di dieci immigrati che vivono nel nostro paese, chiedendo in contemporanea a dieci esponenti della cultura italiana (Gad Lerner, Andrea Camilleri, Enzo Bianchi, Erri De Luca, Antonia Arslan, Giovanni Maria Bellu, Giulio Albanese, Amara Lakhous, Melania Mazzucco, Ascanio Celestini) di leggere un racconto e di commentarlo con un’ introduzione. Così, scorrendo le pagine di «Terre senza promesse», si sperimenta un interessante dialogo tra scrittori italiani e rifugiati. E come ha scritto Erri De Luca nella prefazione al racconto «Straniero in patria»: «Ragazzo la tua storia è vagabonda come il mondo. Tu sei l’ Africa da dove siamo partiti tutti e continuiamo a farlo. Sei l’ avanzo d’ innumerevoli caduti che in te proseguono il cammino. Benvenuto al peggio che ti offriamo». Lilli Garrone RIPRODUZIONE RISERVATA

Garrone Lilli

Pagina 10

(19 ottobre 2011) – Corriere della Sera

viaRifugiati: «Terre senza promesse».

 

a cura di Roberto Gramola

  Ultimo aggiornamento Martedì, 17 Gennaio 2012 12:15  

Lascia un commento


Bookmark and Share

Categorie

Archivio

Attualità

Rapporto sulla protezione 2014/ 3: on line la versione integrale

Il “Rapporto sulla protezione internazionale in Italia 2014″ offre, per la prima volta nel nostro Paese, tutto il necessario per approfondire nella sua attualità un argomento che, forse mai come in queste settimane, è al centro di dibattiti ed equivoci, “colposi” o “dolosi” che siano.
20 Novembre 2014

Rapporto sulla protezione 2014/ 2: apolidi e tratta delle persone, due focus sui “vulnerabili”

Il “Rapporto sulla protezione internazionale in Italia 2014″ presentato oggi a Roma dedica due focus ad altrettante categorie di “soggetti vulnerabili”: gli apolidi e le vittime di tratta, le cui condizioni si intrecciano sempre più di frequente con quelle dei rifugiati e richiedenti asilo. Solo 12 Paesi al mondo hanno adottato una procedura per il riconoscimento [...]
17 Novembre 2014

Rapporto sulla protezione 2014/ 1: “Vogliamo un sistema unico d’accoglienza”, chiedono Migrantes, Anci, Caritas, Cittalia e Sprar

Anci, Caritas, Cittalia, Migrantes e Servizio centrale dello Sprar presentano in queste ore a Roma, in collaborazione con l’Unhcr, il “Rapporto sulla protezione internazionale in Italia 2014″. L’obiettivo è contribuire alla realizzazione di un «sistema unico di accoglienza e protezione dei richiedenti asilo e dei rifugiati» nel nostro Paese. Fra le “raccomandazioni” del “Rapporto”: sono necessarie linee guida europee [...]
17 Novembre 2014

Protezione internazionale in Italia, esce il primo Rapporto

Sarà presentato lunedì 17 novembre a Roma il primo “Rapporto sulla protezione internazionale in Italia”, frutto di un inedito lavoro d’équipe che ha coinvolto le più importanti realtà nazionali impegnate nel settore.
13 Novembre 2014

“Ue +”: quasi 71.000 richieste d’asilo in un mese

Nel mese di settembre i richiedenti asilo nei 30 Paesi dell’“Ue +” sono stati oltre 70.600. Quasi uno su quattro (17.100) sono siriani.
13 Novembre 2014

Scegliere di accogliere: seminario di studi a Torino

Accogliere i rifugiati ha diversi significati: atto di giustizia sociale, scelta politica ed etica, azione individuale, ma, senza dubbio, è un momento della vita sociale che necessita di riflessione, competenza e metodo. Per questo è necessario che i soggetti a diverso titolo coinvolti in azioni di accoglienza si possano incontrare e confrontare tra loro e [...]
11 Novembre 2014

Operatori e rifugiati: la relazione e le sue “trappole”

I risultati della ricerca-azione collegata al Laboratorio multidisciplinare 2013-2014 sul diritto d’asilo dell’Università di Torino e del coordinamento Non solo asilo. Alla base dell’indagine, le testimonianze di 18 operatori e 19 interviste in profondità a rifugiati e richiedenti asilo.
11 Novembre 2014

Domande d’asilo (e dinieghi) in crescita

Sono più di 54.000 i richiedenti asilo registrati in Italia da gennaio a ottobre 2014: si sono fatti più numerosi di mese in mese. Ma l’ultimo periodo ha visto in crescita anche i dinieghi alle domande di protezione, che hanno raggiunto il 48% di tutte le richieste d’asilo esaminate a ottobre.
04 Novembre 2014
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

Leggi gli articoli in altri modi:

oppure
Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere la newsletter: