“Gente di Dublino”: quando i diritti passano per uno spot

«Cerchi asilo?», «Conosci Dublino… e i tuoi diritti?». Al via la campagna di comunicazione del Cir sul Regolamento Dublino II. Nei giorni scorsi è stato proiettato un primo spot nella rete della società Centostazioni.

«Caso 1: Hai presentato richiesta di asilo in Italia ma lo Stato competente per l’esame della tua domanda è un altro». « Come avviene il trasferimento?». «Cosa puoi fare se non sei d’accordo con la decisione di trasferimento dall’Italia verso un altro Paese?». «Caso 2: Hai presentato richiesta di asilo in un Paese europeo, ma il Paese competente ad esaminare la tua domanda di asilo è l’Italia…». Così i link alla voce “Dublino nella pratica” sul sito Internet della campagna “Gente di Dublino”, lanciata dal Cir (Consiglio italiano per i rifugiati) in queste settimane.

Questo progetto di comunicazione è cofinanziato dall’Unione Europea e dal Ministero dell’Interno, viene gestito dal Cir in collaborazione con Europe Consulting e con l’Associazione Italiana del Consiglio dei Comuni e delle Regioni Europee (Aiccre) e ha l’obiettivo di fornire un’informazione capillare sul Regolamento Dublino II e sulla sua concreta applicazione.

Nei giorni scorsi, dal 15 aprile a ieri, il 21, nella rete della società Centostazioni (la società per la riqualificazione di 103 stazioni ferroviarie) è stato proiettato uno spot essenziale di 30 secondi: in dissolvenza si succedono le immagini di un dito, di impronte digitali,  le scritte «Cerchi asilo?», «Conosci Dublino?», «… e i tuoi diritti?». Poi è la volta di una mano aperta con una scritta tatuata, «Choose the right way. Let us help you», e infine viene indicato il sito Internet della campagna.

Un video più articolato di 7 minuti che contiene anche le testimonianze di due rifugiati, un uomo e una donna,  sarà invece proiettato all’interno dei Centri di accoglienza per richiedenti asilo.

Collegamento

Il sito Internet della campagna “Gente di Dublino”

Vedi anche

Il  “dossier” di Vie di fuga sul regolamento Dublino II

 

  Ultimo aggiornamento Domenica, 22 Aprile 2012 22:16  

Lascia un commento


Bookmark and Share

Categorie

Archivio

Attualità

Estate 2014: il Mediterraneo. E oltre

Il numero di 100 mila migranti sbarcati sulle coste italiane nel 2014 è stato toccato alla vigilia di ferragosto. Gli ultimi aggiornamenti dell’Unhcr, i dati (un po’ sommari) sull’attività del Viminale nell’ultimo anno e l’aggiornamento mensile dell’Easo.
16 Agosto 2014

Laboratorio 2014-2015 sul diritto d’asilo, al via le iscrizioni

Con il tema di fondo “Relazioni, legami, affettività: cosa (e come) si mantiene, cambia e si costruisce nel contesto d’arrivo”, l’iniziativa dell’Università di Torino e del Coordinamento “Non solo asilo” si svolgerà fra settembre e dicembre. Le candidature sono aperte dal 26 agosto.
09 Agosto 2014

Italia 2014: 85 mila arrivi, 25 mila richieste d’asilo

Estate 2014: un afflusso di profughi e migranti senza precedenti, anche se non molti di loro chiedono asilo in Italia. 800 le vittime nel Mediterraneo nella sola prima metà dell’anno. Ma dopo i soccorsi, in Europa sarebbe già ora di pensare a “soluzioni di lungo termine”. E alla misura dell’”ammissione umanitaria”.
31 Luglio 2014

“Piano operativo nazionale”: il testo e i primi commenti

Al centro del Piano, concordato nei giorni scorsi in Conferenza unificata, c’è la presa d’atto della necessità di un unico sistema di accoglienza su tre fasi/livelli: il soccorso, la prima accoglienza-”qualificazione” e la seconda accoglienza-integrazione.
17 Luglio 2014

Gli Ekhtelaf: “Patria, rispondi: che ne sarà della nostra generazione?”

Su Vie di fuga il videoclip “Bazicheh”, realizzato a ritmo di rap da tre giovani rifugiati afghani e presentato a “Trieste on sight 2014″.
16 Luglio 2014

Bazicheh

Bazicheh – gruppo Ekhtelaf – Singolo, videoclip – 3′ 40″ – Little Paris Production in collaborazione con Ics – Italia 2014
10 Luglio 2014

Aggiornamenti mensili Easo: più 10% di domande d’asilo nell’Ue

A maggio i richiedenti fuggiti dall’Eritrea, quasi raddoppiati rispetto ad aprile, hanno superato per la prima volta la provenienza dai sei Paesi dell’area del Balcani occidentali. Ma intanto peggiora la situazione in Ucraina: dall’inizio dell’anno sono 54.000 gli sfollati interni e 14.000 i richiedenti asilo all’estero.
09 Luglio 2014

Dopo il mare, il lago: il mondo (e una buona accoglienza) a Verbania

* a cura di Jacopo Baron – resoconto di Giulia Botti (ass. Non Solo Aiuto) Di recente Vie di fuga ha proposto, tramite le testimonianze di Inno e Richie, due storie di “accoglienza mancata” che fanno riferimento alla cosiddetta “emergenza Nordafrica”, cioè l’aumento del flusso di richiedenti asilo e migranti seguito alle insurrezioni  sviluppatesi nel [...]
07 Luglio 2014
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

Leggi gli articoli in altri modi:

oppure
Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere la newsletter: