Mondiale 2012 della Diaspora Bosniaca: ha vinto la rappresentanza dalla Croazia

A Biella hanno partecipato all’edizione 2012 del “Mondiale di calcio a cinque della Diaspora bosniaca” 17 delegazioni nazionali. In finale la rappresentanza croata ha battuto quella americana 5-4, ai rigori.

Biella, aprile 2012: la delegazione della Croazia, vincitrice del "Mondiale di calcio a cinque" della Diaspora bosniaca.

Sembra quasi impossibile. Eppure anche in Italia, ogni tanto, si può tifare in un campionato di calcio che non sia ostaggio di business milionari, di inchieste su partite vendute e giocatori in vendita, di tifoserie tribali e mafiose, di risse in campo e di società imbelli. La salutare sorpresa è venuta, nella seconda metà di aprile, dall’edizione 2012 del “Mondiale di calcio a cinque della Diaspora bosniaca” organizzato a Biella dall’Associazione culturale bosniaca biellese in collaborazione con l’assessorato cittadino allo Sport e con l’Atl e il Csi biellesi sotto l’egida della Rete mondiale della Diaspora bosniaca (SSD BiH).

Alla manifestazione hanno partecipato 17 rappresentanze “nazionali” della diaspora bosniaca: Austria, Belgio, Canada, Croazia, Danimarca, Francia, Galles, Germania, Inghilterra, Italia, Irlanda, Lussemburgo, Norvegia, Olanda, Slovenia, Stati Uniti e Svezia. E’ mancata la rappresentanza dei bosniaci della Repubblica Ceca che, per problemi tecnici, hanno dovuto rinunciare all’ultimo istante. Le partite si sono svolte in due giorni, sono state dirette da un team di arbitri Csi, hanno visto fin dall’inizio un elevato livello tecnico e si sono svolte in piena regolarità e fair-play. In quattro gironi iniziali si sono qualificate per la fase finale del torneo 8  squadre: la slovena, la statunitense, la belga, l’irlandese, la croata, la danese, l’ olandese e la svedese. La rappresentanza dei bosniaci d’Italia non è riuscita ad avere la meglio, nel difficile girone A, contro Inghilterra, Svezia e Slovenia.

La delegazione dell'Italia.

Nei quarti di finale si sono imposti gli Stati Uniti, l’Irlanda, la Croazia e la Svezia.  In semifinale gli Usa hanno battuto l’Irlanda 1-0 e la Croazia ha sommerso la Svezia con un secco 5-0 (ma in questo Mondiale 2012 il primato “numerico” senza rivali è il 13-2 inflitto nel girone C dalla Danimarca al Canada). E in finale la Croazia si è imposta sugli Stati Uniti in un match equilibratissimo che si è concluso solo ai rigori per 5 a 4. Prima della festa di premiazione, l’assessore allo Sport di Biella Roberta Pella, il Console generale di Bosnia Jugoslav Brdar, il presidente della SSD BiH Pasic e il  presidente dell’Associazione culturale bosniaca di Biella Dzevad Mehmedovic hanno rivolto i loro saluti alle delegazioni e agli oltre 1.000 presenti, per la maggior parte cittadini bosniaci, biellesi e provenienti da ogni parte d’Italia.

Commosso il saluto di Mehmedovic: «Sentire le note dell’inno bosniaco a centro campo, prima del calcio di inizio della finale, con la consapevolezza di aver accolto e ospitato a Biella nostri fratelli provenienti da ogni parte del mondo è un’emozione di cui sono onorato e orgoglioso. Un ricordo indelebile nella memoria della comunità bosniaca di Biella, a cui va il mio sincero ringraziamento per la collaborazione e l’impegno con cui ha lavorato in tutti questi mesi di preparazione».

Allegato

 Mondiale della Diaspora bosniaca 2012: il tabellone finale (file .pdf 2.211 kbyte)

Leggi anche

Diaspora Bosniaca: per la prima volta in Italia il Mondiale di calcio a cinque

  Ultimo aggiornamento Mercoledì, 02 Maggio 2012 14:16  

Lascia un commento


Bookmark and Share

Categorie

Archivio

Attualità

Cie: si riduce il periodo di permanenza?

Il Senato ha approvato la riduzione a 90 giorni del tempo massimo di trattenimento all’interno dei Centri di identificazione e di espulsione. Tale emendamento a firma Manconi-Lo Giudice è passato all’interno dell’articolo 3 comma E della Legge Europea (ddl 1533), e riduce il periodo massimo di trattenimento degli stranieri all’interno dei CIE a tre mesi.
02 Ottobre 2014

“Asylum trends” nei Paesi industrializzati: “Solo un tassello nella geografia dello sradicamento forzato”

Sono 330.700 i richiedenti asilo registrati nel primo semestre dell’anno nei 44 Paesi più industrializzati del mondo: il 24% in più rispetto a un anno fa. Ma intanto, malgrado le disastrose guerre civili e regionali in Siria e in Irak, l’Africa rimane il continente con il maggior numero di rifugiati e sfollati.
29 Settembre 2014

Diritto allo studio e rifugiati politici

 Il ministero dell’Istruzione ha fatto un po’ d’ordine rispetto alla possibilità di accesso agli studi per gli stranieri dei Paesi in  via di sviluppo e per i rifugiati politici. con decreto dell’1 agosto 2014 il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato la lista aggiornata dei Paesi in via di sviluppo che riguarda gli studenti stranieri provenienti dai [...]
27 Settembre 2014

Asilo in Europa: la “teoria” e la pratica

Fra gennaio e agosto 2014 le domande d’asilo nell’Ue hanno registrato un aumento poco inferiore al 30% rispetto allo stesso periodo del 2013. Una domanda su cinque è stata presentata da cittadini siriani. Intanto, il rapporto “Mind the gap” 2013-2014 del progetto Aida ha denunciato un persistente divario fra la “teoria” del Sistema comune europeo [...]
26 Settembre 2014

Laboratorio 2014-2015 sul diritto d’asilo, si parte

“Glossario, convenzione di Ginevra e quadro legislativo di base”,  “Procedure, accoglienza e progetti in Italia” e “Approfondimento legislativo: quali sono le novità?” sono i temi dei primi tre incontri. L’iniziativa, che proseguirà fino a dicembre, è organizzata dal Corso di laurea magistrale in Antropologia culturale ed etnologia dell’Università di Torino e dal Coordinamento “Non solo [...]
24 Settembre 2014

Più velocità e meno diritti

A fine agosto è entrato in vigore il decreto legge n.119/2004 che contiene, tra le altre cose, anche le nuove disposizioni in merito alla procedura di riconoscimento della protezione internazionale. Si tratta di novità non di poco conto e che riguardano la sfera dei diritti delle persone: è infatti evidente che un cambiamento di procedura, [...]
22 Settembre 2014

Da “Mare Nostrum” a “Frontex Plus”

“Siamo entrati nella terza guerra mondiale”: sono queste la parole che solo poche settimana fa Papa Francesco ha pronunciato a proposito dei numerosi conflitti in atto nel mondo. Un’espressione forte, che non lascia dubbi e che interroga tutti sulle conseguenze di questa guerra “a pezzetti”.
03 Settembre 2014

Prima del mare, le rotte del deserto

Una ricerca del network Global Initiative against Transnational Organized Crime ha esplorato le “rotte del deserto” dei migranti e richiedenti asilo che partono dall’Africa subsahariana. Nell’80% dei casi i loro viaggi sono “facilitati” da trafficanti e gruppi criminali.
01 Settembre 2014
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

Leggi gli articoli in altri modi:

oppure
Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere la newsletter: