Mondiale 2012 della Diaspora Bosniaca: ha vinto la rappresentanza dalla Croazia

A Biella hanno partecipato all’edizione 2012 del “Mondiale di calcio a cinque della Diaspora bosniaca” 17 delegazioni nazionali. In finale la rappresentanza croata ha battuto quella americana 5-4, ai rigori.

Biella, aprile 2012: la delegazione della Croazia, vincitrice del "Mondiale di calcio a cinque" della Diaspora bosniaca.

Sembra quasi impossibile. Eppure anche in Italia, ogni tanto, si può tifare in un campionato di calcio che non sia ostaggio di business milionari, di inchieste su partite vendute e giocatori in vendita, di tifoserie tribali e mafiose, di risse in campo e di società imbelli. La salutare sorpresa è venuta, nella seconda metà di aprile, dall’edizione 2012 del “Mondiale di calcio a cinque della Diaspora bosniaca” organizzato a Biella dall’Associazione culturale bosniaca biellese in collaborazione con l’assessorato cittadino allo Sport e con l’Atl e il Csi biellesi sotto l’egida della Rete mondiale della Diaspora bosniaca (SSD BiH).

Alla manifestazione hanno partecipato 17 rappresentanze “nazionali” della diaspora bosniaca: Austria, Belgio, Canada, Croazia, Danimarca, Francia, Galles, Germania, Inghilterra, Italia, Irlanda, Lussemburgo, Norvegia, Olanda, Slovenia, Stati Uniti e Svezia. E’ mancata la rappresentanza dei bosniaci della Repubblica Ceca che, per problemi tecnici, hanno dovuto rinunciare all’ultimo istante. Le partite si sono svolte in due giorni, sono state dirette da un team di arbitri Csi, hanno visto fin dall’inizio un elevato livello tecnico e si sono svolte in piena regolarità e fair-play. In quattro gironi iniziali si sono qualificate per la fase finale del torneo 8  squadre: la slovena, la statunitense, la belga, l’irlandese, la croata, la danese, l’ olandese e la svedese. La rappresentanza dei bosniaci d’Italia non è riuscita ad avere la meglio, nel difficile girone A, contro Inghilterra, Svezia e Slovenia.

La delegazione dell'Italia.

Nei quarti di finale si sono imposti gli Stati Uniti, l’Irlanda, la Croazia e la Svezia.  In semifinale gli Usa hanno battuto l’Irlanda 1-0 e la Croazia ha sommerso la Svezia con un secco 5-0 (ma in questo Mondiale 2012 il primato “numerico” senza rivali è il 13-2 inflitto nel girone C dalla Danimarca al Canada). E in finale la Croazia si è imposta sugli Stati Uniti in un match equilibratissimo che si è concluso solo ai rigori per 5 a 4. Prima della festa di premiazione, l’assessore allo Sport di Biella Roberta Pella, il Console generale di Bosnia Jugoslav Brdar, il presidente della SSD BiH Pasic e il  presidente dell’Associazione culturale bosniaca di Biella Dzevad Mehmedovic hanno rivolto i loro saluti alle delegazioni e agli oltre 1.000 presenti, per la maggior parte cittadini bosniaci, biellesi e provenienti da ogni parte d’Italia.

Commosso il saluto di Mehmedovic: «Sentire le note dell’inno bosniaco a centro campo, prima del calcio di inizio della finale, con la consapevolezza di aver accolto e ospitato a Biella nostri fratelli provenienti da ogni parte del mondo è un’emozione di cui sono onorato e orgoglioso. Un ricordo indelebile nella memoria della comunità bosniaca di Biella, a cui va il mio sincero ringraziamento per la collaborazione e l’impegno con cui ha lavorato in tutti questi mesi di preparazione».

Allegato

 Mondiale della Diaspora bosniaca 2012: il tabellone finale (file .pdf 2.211 kbyte)

Leggi anche

Diaspora Bosniaca: per la prima volta in Italia il Mondiale di calcio a cinque

  Ultimo aggiornamento Mercoledì, 02 Maggio 2012 14:16  

Lascia un commento


Bookmark and Share

Categorie

Archivio

Attualità

Cie: “90 giorni, un passo avanti verso l’abolizione”

L’art. 3 della Legge Europea 2013-bis, approvata definitivamente, porta da 18 mesi a 90 giorni il limite massimo per il “trattenimento” di un migrante nei Centri di identificazione ed espulsione. Quest’anno, nei pochi Cie rimasti aperti, da gennaio all’estate sono stati “trattenuti” oltre 2.100 migranti e ne sono stati rimpatriati poco più di mille.
24 Ottobre 2014

Non accompagnati richiedenti asilo: sempre di più in Europa

Fra i richiedenti asilo nel territorio dell’Unione Europea gli under 18 non accompagnati sono aumentati dal 3% al 4% circa negli ultimi sei mesi. In Italia ha analizzato l’accoglienza dei Msna nei comuni il V rapporto Anci-Cittalia.
24 Ottobre 2014

“Isolamente accogliente”: news dalla Sicilia

Viedifuga.org ospita il link di “Isolamente accogliente”, il nuovo progetto della Fondazione Migrantes. Nella presentazione di questa iniziativa di comunicazione e sensibilizzazione si legge: “si tratta di una finestra aperta per raccontare la realtà di una regione, la Sicilia, che a motivo della sua posizione geografica, è chiamata a svolgere un ruolo unico per quanto [...]
21 Ottobre 2014

La Germania: “Attenzione nell’espellere in Italia le ‘famiglie Dublino’”

Per la prima volta in quasi vent’anni, due sentenze della Corte costituzionale tedesca esprimono dubbi sull’espulsione verso “Paesi terzi sicuri”. In questione ci sono le carenze del sistema d’accoglienza italiano per quanto riguarda le famiglie con bambini piccoli soggette al “Regolamento di Dublino”.
17 Ottobre 2014

E’ uscito il nuovo numero di Africa e Mediterraneo

Sarà presentato il 13 ottobre, a Bologna (h 15.30 – Salone della Guardia della Prefettura di Bologna – via IV Novembre 24) il nuovo numero della rivista Africa e Mediterraneo, il cui dossier è dedicato al tema “L’Italia e il sistema europeo comune di asilo”, per riflettere sull’accoglienza e la protezione dei richiedenti asilo, un [...]
09 Ottobre 2014

Easo: richiedenti asilo ucraini, più 32% in un mese

Pubblicati dall’Ufficio europeo della Valletta i primi dati mensili per l’Ue che coprono buona parte della scorsa estate. Nel territorio dell’”UE+”, nell’ultimo mese preso in esame i richiedenti asilo di tutte le nazionalità sono stati poco meno di 60 mila. Per la prima volta dall’inizio della crisi in Ucraina, i richiedenti protezione nella vicina Polonia [...]
08 Ottobre 2014

IX Rapporto “Italiani nel mondo”

Martedì 7 ottobre 2014, ore 10.00 presso l’Auditorium “V. Bachelet” , The Church Palace – Domus Mariae di  via Aurelia 481, si tiene la presentazione del IX Rapporto Italiani nel Mondo 2014. Si tratta di un’opera corposa che contiene 47 approfondimenti elaborati da 55 autori dall’Italia e dall’estero ed è uno strumento culturale che si [...]
05 Ottobre 2014

Mediterraneo, la frontiera più letale del mondo

 «Sento cose che non si possono dire perché non si trovano le parole per dirle…»: papa Bergoglio, 1° ottobre 2014 in Vaticano, alla delegazione di superstiti e familiari del naufragio del 3 ottobre 2013 nelle acque di Lampedusa: 368 morti accertati fra migranti e potenziali richiedenti asilo, più una ventina di dispersi…
03 Ottobre 2014
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

Leggi gli articoli in altri modi:

oppure
Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere la newsletter: