Mondiale 2012 della Diaspora Bosniaca: ha vinto la rappresentanza dalla Croazia

A Biella hanno partecipato all’edizione 2012 del “Mondiale di calcio a cinque della Diaspora bosniaca” 17 delegazioni nazionali. In finale la rappresentanza croata ha battuto quella americana 5-4, ai rigori.

Biella, aprile 2012: la delegazione della Croazia, vincitrice del "Mondiale di calcio a cinque" della Diaspora bosniaca.

Sembra quasi impossibile. Eppure anche in Italia, ogni tanto, si può tifare in un campionato di calcio che non sia ostaggio di business milionari, di inchieste su partite vendute e giocatori in vendita, di tifoserie tribali e mafiose, di risse in campo e di società imbelli. La salutare sorpresa è venuta, nella seconda metà di aprile, dall’edizione 2012 del “Mondiale di calcio a cinque della Diaspora bosniaca” organizzato a Biella dall’Associazione culturale bosniaca biellese in collaborazione con l’assessorato cittadino allo Sport e con l’Atl e il Csi biellesi sotto l’egida della Rete mondiale della Diaspora bosniaca (SSD BiH).

Alla manifestazione hanno partecipato 17 rappresentanze “nazionali” della diaspora bosniaca: Austria, Belgio, Canada, Croazia, Danimarca, Francia, Galles, Germania, Inghilterra, Italia, Irlanda, Lussemburgo, Norvegia, Olanda, Slovenia, Stati Uniti e Svezia. E’ mancata la rappresentanza dei bosniaci della Repubblica Ceca che, per problemi tecnici, hanno dovuto rinunciare all’ultimo istante. Le partite si sono svolte in due giorni, sono state dirette da un team di arbitri Csi, hanno visto fin dall’inizio un elevato livello tecnico e si sono svolte in piena regolarità e fair-play. In quattro gironi iniziali si sono qualificate per la fase finale del torneo 8  squadre: la slovena, la statunitense, la belga, l’irlandese, la croata, la danese, l’ olandese e la svedese. La rappresentanza dei bosniaci d’Italia non è riuscita ad avere la meglio, nel difficile girone A, contro Inghilterra, Svezia e Slovenia.

La delegazione dell'Italia.

Nei quarti di finale si sono imposti gli Stati Uniti, l’Irlanda, la Croazia e la Svezia.  In semifinale gli Usa hanno battuto l’Irlanda 1-0 e la Croazia ha sommerso la Svezia con un secco 5-0 (ma in questo Mondiale 2012 il primato “numerico” senza rivali è il 13-2 inflitto nel girone C dalla Danimarca al Canada). E in finale la Croazia si è imposta sugli Stati Uniti in un match equilibratissimo che si è concluso solo ai rigori per 5 a 4. Prima della festa di premiazione, l’assessore allo Sport di Biella Roberta Pella, il Console generale di Bosnia Jugoslav Brdar, il presidente della SSD BiH Pasic e il  presidente dell’Associazione culturale bosniaca di Biella Dzevad Mehmedovic hanno rivolto i loro saluti alle delegazioni e agli oltre 1.000 presenti, per la maggior parte cittadini bosniaci, biellesi e provenienti da ogni parte d’Italia.

Commosso il saluto di Mehmedovic: «Sentire le note dell’inno bosniaco a centro campo, prima del calcio di inizio della finale, con la consapevolezza di aver accolto e ospitato a Biella nostri fratelli provenienti da ogni parte del mondo è un’emozione di cui sono onorato e orgoglioso. Un ricordo indelebile nella memoria della comunità bosniaca di Biella, a cui va il mio sincero ringraziamento per la collaborazione e l’impegno con cui ha lavorato in tutti questi mesi di preparazione».

Allegato

 Mondiale della Diaspora bosniaca 2012: il tabellone finale (file .pdf 2.211 kbyte)

Leggi anche

Diaspora Bosniaca: per la prima volta in Italia il Mondiale di calcio a cinque

  Ultimo aggiornamento Mercoledì, 02 Maggio 2012 14:16  

Lascia un commento


Bookmark and Share

Categorie

Archivio

Attualità

Diritto d’asilo, diritto al lavoro

Abbiamo presentato di recente un rapporto del Consiglio d’Europa sul tema “lavoro e diritto d’asilo”, un documento che non cita l’Italia. Ma che cosa succede nel Belpaese?
16 Aprile 2014

Basta con le politiche dell’emergenza. I comunicati stampa dei coordinamenti del Piemonte e della Lombardia

Le ondate di sbarchi degli ultimi mesi (ndr le ultime stime ufficiali parlano di 18.000 arrivi) hanno fatto emergere, in una maniera lampante, una contraddizione foriera di critiche e di dubbi: ancora  una volta le scelte politiche delle istituzioni italiane si stanno orientando sull’emergenza. Riportiamo qui i comunicati del Coordinamento Non solo Asilo della regione [...]
12 Aprile 2014

Asilo, i primi dati 2014 nell’Ue “allargata”

Per i primi mesi dell’anno i dati dell’Easo confermano l’elevatissima incidenza di richiedenti siriani nell’area dell’Unione europea “allargata” (i 28 Paesi membri più Svizzera e Norvegia). Ma i Balcani occidentali si confermano come la macro-regione da cui provengono più richiedenti. Il “nuovo” flusso di richiedenti dal Gambia.
12 Aprile 2014

Rimpatri: 39 le “operazioni congiunte” di Frontex nel 2013

Fra 2006 e 2013, le operazioni congiunte di rimpatrio forzato coordinate dall’agenzia per il controllo delle frontiere dell’Ue sono state 209, con 10.855 migranti rimpatriati.
07 Aprile 2014

Per un disguido tecnico…

Per un disguido tecnico, nel fine settimana il sito di Vie di fuga non è stato consultabile on line. Risolto il problema, ce ne scusiamo con tutti i lettori.
07 Aprile 2014

Storie di fuga, storie “italiane”

Una storia di guerra e di esilio raccontata dal protagonista, un giovane rifugiato del Sierra Leone. Ma anche una storia molto “italiana”: lo sbarco, il Cara, il pezzo di carta della protezione umanitaria, la liberazione dalla strada solo grazie a un incontro fortunato. E adesso, il lavoro faticoso «di ricostruire per l’ennesima volta la mia [...]
01 Aprile 2014

Tutti i muri del mondo – Iran e Pakistan

Alto tre metri e lungo 700 chilometri. Uno spessore di 90 centimetri, composto da terra e pietra, con fossati, filo spinato e postazioni della polizia iraniana per tutta la lunghezza. Questo è il muro, operativo da circa 4 anni, tra Iran e Pakistan, eretto come naturale prosecuzione della politica di protezione iniziata con la costruzione [...]
26 Marzo 2014

“Trovare lavoro ai rifugiati? Fa bene, anzi conviene”

Un rapporto della commissione Migrazione e Rifugiati dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa fa il punto sul tema “lavoro e diritto d’asilo”: i diritti sulla carta, la loro attuazione concreta e le buone pratiche presenti in alcuni Paesi.
26 Marzo 2014
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

Leggi gli articoli in altri modi:

oppure
Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere la newsletter: