Home >> INFOrientarsi >> Dati e ricerche >> Accordo UE-Turchia, mese secondo: gli arrivi in Grecia ridotti a un ventesimo

Accordo UE-Turchia, mese secondo: gli arrivi in Grecia ridotti a un ventesimo

I dati definitivi sugli arrivi di rifugiati e migranti dal Mediterraneo in Grecia e in Italia nella prima parte del 2016. Intanto, il bilancio annuo delle morti in mare rischia di superare tragicamente quelli del 2015 e del 2014. 

Gli arrivi via mare di rifugiati e migranti dal Mediterraneo dal 1° gennaio al 5 giugno 2016: 206.199 in totale, 4 su 5 dai principali Paesi "produttori" di rifugiati. Almeno 2.814 le persone che hanno perso la vita nella traversata (fonte database Data UNHCR).
Cliccare per ingrandire: gli arrivi via mare di rifugiati e migranti dal Mediterraneo dal 1° gennaio al 5 giugno 2016: 206.199 persone in totale (almeno fino a marzo in buona parte nella sola Grecia), 4 su 5 dai principali Paesi “produttori” di rifugiati. Sono per il 45% uomini, 20% donne e 35% minori. Sono almeno 2.814 le persone che nel periodo hanno perso la vita nella traversata (fonte database Data UNHCR).

 

A maggio sono arrivate in Grecia via mare 1.465 persone: il 40% in meno rispetto ad aprile, e un ventesimo rispetto a marzo, il mese di chiusura della “rotta dei Balcani” in forza dell’accordo UE-Turchia.

Arrivi gennaio-maggio: il Mediterraneo

Fra gennaio e maggio di quest’anno sono arrivati sulle coste dell’Unione europea dal Mediterraneo, secondo i dati definitivi dei monitoraggi UNHCR, in tutto 205.280 rifugiati e migranti, per tre quarti sulle “rotte” del Mediterraneo orientale e un quarto su quelle del Mediterraneo centrale (cioè verso l’Italia); sono meno di mille, infatti, gli arrivi in territorio spagnolo.

Arrivi gennaio-maggio: l’Italia

Sempre fra gennaio e maggio, dal Mediterraneo centrale gli arrivi in Italia sono stati precisamente 47.810, contro i 47.463 dello stesso periodo del 2015: 300 in più. A maggio, ormai in piena primavera, nonostante gli allarmi delle scorse settimane alla fine le persone sbarcate sono state meno che nel maggio 2015: 19.900 circa contro più di 21.300 l’anno scorso (finora gli arrivi hanno superato quelli del 2015 solo a gennaio e a marzo).

Vittime in mare: peggio che nel 2015 e nel 2014

Ma è già gravissimo il bilancio delle vittime in mare. Il progetto Missing Migrants dell’OIM le calcola a 2.809 in tutto il Mediterraneo solo fra gennaio e lo scorso 6 giugno: con questa tendenza (non siamo neanche a metà anno), il dato finale sarebbe molto peggiore che nel 2015 e nel 2014, quando in 12 mesi le vittime erano state rispettivamente 3.770 e 3.279.

 

Vedi anche

Richiedenti asilo ed esiti in Italia nel 2017: in aumento le domande, in calo quelle esaminate

Un aumento di richiedenti asilo, una diminuzione di quelli esaminati: è quanto emerge dai primi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *