Home >> INFOrientarsi >> Dati e ricerche >> Arrivi via mare: Italia, sempre più donne e minori

Arrivi via mare: Italia, sempre più donne e minori

Secondo un’analisi dell’UNHCR, nei primi sei mesi di quest’anno gli arrivi via mare di rifugiati e migranti in Grecia, Italia e Spagna sono stati circa 231 mila: il 50% in più rispetto al primo semestre 2015, ma il 70% in meno rispetto al secondo semestre dello stesso anno. In Italia il 2016 ha visto un netto aumento di donne e minori.

Arrivi_Medit_UNHCR_8_2016
Gli arrivi di rifugiati e migranti sulle coste del Sud Europa nel 2015 e nel primo semestre 2016 (fonte UNHCR, agosto 2016).

 

Arrivi via mare in Sud Europa in aumento… ma in calo. Se si guarda alle cifre con un minimo di profondità “storica”, emerge come nei primi sei mesi di quest’anno gli arrivi di rifugiati e migranti in Grecia, Italia e Spagna siano stati 231.075 (rispettivamente 158.377, 70.222 e 2.476), cioè il 51% in più rispetto al primo semestre 2015, ma il 74% in meno rispetto al secondo semestre.

Nella sola Grecia gli arrivi sono crollati dai 67.415 dello scorso gennaio ai 1.554 dello scorso giugno (- 98%).

In Italia i 70.222 arrivi dell’ultimo semestre sono stati poco al di sotto del totale registrato nello stesso periodo dell’anno scorso (70.354).

Più che raddoppiati i “minori soli”

Quasi sette persone su 10 che arrivano sulle coste europee provengono dai 10 principali Paesi “produttori” di rifugiati su scala globale.

Nel primo semestre 2016 sono stati soprattutto siriani (una persona su tre), afghani (circa il 17% del totale), iracheni (11%), nigeriani (5%), eritrei (4%), pakistani (3%), gambiani (3%), ivoriani (2%) e guineani (2%).

Quanto all’Italia, però, il maggior numero di arrivi è di nigeriani (17%), seguiti dagli eritrei (13%), gambiani (8%) e ivoriani (7%). «La proporzione di siriani (0,3%), irakeni (0,2%) e afghani (un altro 0,2%) rimane molto bassa», osserva la fonte di questi dati, un’analisi dell’UNHCR pubblicata in queste settimane d’agosto.

«In Italia il numero di uomini è diminuito dal 79% del totale degli arrivi nello scorso gennaio al 66% di giugno, mentre le donne sono cresciute dal 9% di gennaio al 16% e i minori dal 12% al 18%». La stragrande maggioranza di questi ultimi sono “non accompagnati”: più del doppio rispetto al primo semestre del 2015 (10.524 contro 4.410).

Allegato

Refugees and migrants sea arrivals in Europe (UNHCR, agosto 2016, file .pdf)

Vedi anche

Richiedenti asilo ed esiti in Italia nel 2017: in aumento le domande, in calo quelle esaminate

Un aumento di richiedenti asilo, una diminuzione di quelli esaminati: è quanto emerge dai primi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *