Home >> Attualità >> News >> Asilo e procedure, l’Unhcr: “Personale più preparato nelle Commissioni”

Asilo e procedure, l’Unhcr: “Personale più preparato nelle Commissioni”

Entro luglio l’Italia deve recepire le “nuove” Direttive procedure (2013/32/Ue) e accoglienza (2013/33/Ue). In tema di procedure l’Unchr raccomanda, tra l’altro, di formare e introdurre nelle Commissioni territoriali personale più competente nell’esaminare le ragioni e il vissuto di chi chiede asilo nel nostro Paese.

Esame di un richiedente asilo della Somalia_UNHCR
L’esame di un richiedente asilo fuggito dalla Somalia (foto Unhcr).

Cantiere del recepimento in Italia del Sistema comune d’asilo Europeo: qualcosa si muove. La “nuova” Direttiva qualifiche del 2011 (2011/95/Ue) è stata recepita dall’Italia con il decreto legislativo n. 18 del 21 febbraio 2014 (in base alla legge di delegazione europea 96/2013). Poi la legge di delegazione europea per il secondo semestre 2013 (la n. 154/2014 all’art. 7) ha delegato il Governo a emanare un “testo unico” delle disposizioni di attuazione della normativa dell’Ue in materia di diritto di asilo, protezione sussidiaria e protezione temporanea. Qui i tempi che la legge si è data sono generosi, il luglio 2019.

Ma sono ormai piuttosto stretti per le “nuove” Direttive procedure (2013/32/Ue) e accoglienza (2013/33/Ue), che la stessa legge 154/2014 prescrive di recepire entro il prossimo 20 luglio, almeno in parte.

Questa scadenza, ricorda l’Unhcr, chiama l’Italia “come tutti gli Stati Membri a dare piena e coerente attuazione al Sistema comune d’asilo Europeo”. E proprio su “procedure” e “accoglienza”, in queste settimane l’Alto commissariato Onu per i rifugiati ha lasciato sui tavoli istituzionali una “Nota” di raccomandazioni: nei fatti, un dettagliato documento di osservazioni e proposte.

Se il funzionario è “part time”

Alla voce “procedure”, tra l’altro, l’Unhcr chiede nelle Commissioni territoriali personale più preparato nel valutare i richiedenti asilo. L’Alto commissariato ritiene che “la professionalizzazione e specializzazione, al fine di garantire competenza specifica e formazione del personale deputato a valutare le domande, come previsto dall’art. 4 della Direttiva, possa avvenire con la creazione di un organismo dedicato presso il Ministero dell’Interno a cui sia garantita autonomia funzionale e organizzativa, nonché indipendenza di giudizio e valutazione”.

Questa “professionalizzazione”, sottolinea l’Unhcr, “potrebbe garantire una maggiore efficienza del sistema rispetto alle Commissioni composte da membri che in molti casi hanno concomitanti impegni lavorativi”: vale a dire, fuori dalle perifrasi diplomatiche, molti dei funzionari che oggi si vedono assegnati “part time” alle Commissioni senza nessuna o quasi nessuna competenza nell’esaminare le ragioni e il vissuto di una persona che chiede protezione nel nostro Paese.

Allegato

La “Nota” dell’Unhcr (febbraio 2015, file .pdf)

Leggi anche su Vie di fuga

Il “nuovo” asilo dell’Ue: davvero un risultato storico?

Vedi anche

Tutori volontari “orgogliosi” ma anche critici: su Vie di fuga il nuovo spazio “Tutore anch’io”

La sezione ha già iniziato a offrire notizie, segnalazioni di eventi e i calendari dei …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *