Home >> Attualità >> Diritto allo studio e rifugiati politici

Diritto allo studio e rifugiati politici

 Il ministero dell’Istruzione ha fatto un po’ d’ordine rispetto alla possibilità di accesso agli studi per gli stranieri dei Paesi in  via di sviluppo e per i rifugiati politici. con decreto dell’1 agosto 2014 il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato la lista aggiornata dei Paesi in via di sviluppo che riguarda gli studenti stranieri provenienti dai Paesi particolarmente poveri. Gli studenti stranieri non appartenenti all’Unione Europea possono accedere, a parità di trattamento con gli studenti italiani, ai servizi ed agli interventi per il diritto allo studio. La valutazione della condizione economica è effettuata sulla base di una certificazione della Rappresentanza italiana nel paese di provenienza che attesti che lo studente non appartiene ad una famiglia notoriamente di alto reddito ed elevato livello sociale.In alternativa, nel caso di studenti iscritti ad una università nel Paese di provenienza, collegata con accordi o convenzioni con l’università di iscrizione in Italia, tale certificazione può essere rilasciata dalla predetta università. Per gli studenti che si iscrivano al primo anno dei corsi di laurea e di laurea specialistica, la certificazione che lo studente non appartiene ad una famiglia notoriamente di alto reddito ed elevato livello sociale può essere altresì rilasciata da parte di enti italiani abilitati alla prestazione di garanzia di copertura economica di cui alle vigenti disposizioni in materia di immatricolazione degli studenti stranieri nelle università italiane. Ai fini della valutazione della condizione economica, per gli studenti riconosciuti quali rifugiati politici ed apolidi si tiene conto solo dei redditi e del patrimonio eventualmente detenuti in Italia. Quest’ultima è un’innovazione particolarmente significativa che rappresenta un punto di partenza importante per agevolare il diritto allo studio dei rifugiati politici, tanto più se si pensa che l’istruzione e un titolo di studio sono una tappa importante nel perocrso di integrazione ed emancipazione.

Vedi anche

Richiedenti asilo ed esiti in Italia: in crescita i richiedenti dal Bangladesh, da alcuni Paesi africani, dalla Siria e quelli under 18. Tutti i dati del “riepilogo” ufficiale 2017

Sono 10 mila in meno i richiedenti asilo esaminati rispetto al 2016. Per la prima …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *