Home >> Attualità >> Gli sbarchi? Una cosa da ragazzi

Gli sbarchi? Una cosa da ragazzi

E’ aumentata l’incidenza di minori non accompagnati fra i migranti sbarcati sulle nostre coste, come sembra crescere la presenza, fra loro, di bambini e ragazzi dai 15 anni in giù. Numeri e cronache di un’estate.

Cspa di Lampedusa: attività di operatori di Save the Children (foto: S. the Ch.).

Sempre più numerosi rispetto agli adulti, e sempre più giovani. Sono sempre più visibili, negli “sbarchi” sulle nostre coste, giovanissimi minori “non accompagnati”. E i dati lo confermano.

Fra 2011 e 2012, dopo la fine della guerra civile e internazionale di Libia, gli “sbarchi” totali di migranti sulle coste italiane si sono ridotti a circa un quinto, da circa 63.000 a 13.000. Ma nello stesso periodo i minori non accompagnati si sono solo dimezzati, da 4.200 a 2.000, cosicché nel 2012 hanno rappresentato il 15% di tutti i migranti sbarcati, contro il 7% del 2011.

Anche i primi dati parziali per questo 2013, con gli sbarchi dal 1° gennaio alla fine della primavera, danno un 14% circa di bambini e ragazzi non accompagnati rispetto al totale dei migranti sbarcati: 985 non accompagnati (la gran parte dei 1.140 minori sbarcati!) su 7.260 migranti.

Ragazzini a bordo

Inoltre, almeno in questo 2013, i regolari censimenti del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali sui minori non accompagnati assistiti e/o segnalati nel nostro Paese sembrano evidenziare all’interno di questa categoria di under 18 (in larga maggioranza, da sempre, fra i 16 e i 17 anni d’età) un trend di crescita della fascia d’età 7-15 anni: a fine febbraio quest’ultima era poco sopra il 16% del totale, a fine maggio poco sopra il 17%, ma alla fine di luglio ha superato il 20%, sia pure di poco. In parallelo è calata l’incidenza della fascia d’età dei 16-17enni.

Rimane statisticamente “trascurabile”, invece, la classe d’età fino ai 6 anni, che pure segnala l’inquietante presenza nel nostro Paese di alcune decine di bambini molto piccoli sbarcati da soli.

Alla fine dello scorso luglio, i minori non accompagnati assistiti o “non reperibili” segnalati in Italia erano in tutto 7.402: erano quasi 7.600 a fine 2012, a fine febbraio erano scesi a 7.066, per poi tornare a crescere, verso la nuova “emergenza estiva” che (forse) ci stiamo lasciando alle spalle.

Quando chiedono asilo

Sotto l’aspetto del formale diritto d’asilo, il fenomeno è monitorato sistematicamente dall’Unhcr solo a partire dal 2006. Nel 2012, nel mondo, i minori richiedenti asilo “non accompagnati” sono stati 21.300 in 72 Paesi (il numero più alto registrato in sette anni) di cui due terzi nella sola Europa: 14.300. Nell’Unione europea (dati Eurostat) il totale 2012 è pari a 12.700, che hanno chiesto protezione soprattutto in Svezia (3.600) e Germania (2.100); in Italia il dato è sotto il migliaio di unità, 970 per la precisione.

 

“Non accompagnati”: cronache di un’estate

Il report nazionale del ministero del Lavoro e delle politiche sociali (al 31 luglio 2013)

I dati Eurostat

Minori a rischio di sfruttamento (rapporto Savethechildren, 22 agosto 2013)

Il nuovo disegno di legge di Savethechildren per la tutela dei non accompagnati (comunicato e testo, 25 luglio 2013)

Cronache da Lampedusa 1 (comunicato Savethechildren, 22 luglio 2013)

Cronache da Lampedusaa 2: i minori sbarcati dal 1° gennaio al 19 giugno 2013 (comunicato Savethechildren, 19 giugno 2013 )

I metodi per l’“accertamento” dell’età: i limiti scientifici (dal blog Asgi, 16 luglio 2013)

Dublino II: dalla Corte di giustizia europea una sentenza favorevole ai “non accompagnati” (comunicato Corte, 6 giugno 2013)

 

Vedi anche

Al via il master in Salute globale e migrazioni

In partenza nel 2018 a Roma un’interessante occasione di studio e approfondimento: l’Executive Master in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *