Home >> INFOrientarsi >> Strumenti utili >> Buone pratiche >> Lampedusa-Amsterdam: i barconi dei rifugiati in giro per i canali

Lampedusa-Amsterdam: i barconi dei rifugiati in giro per i canali

Amsterdam. Due barconi che hanno trasportato migranti dall’Africa all’Europa stanno ora vivendo una seconda vita nei canali della capitale olandese: trasportano turisti e residenti in giro per la città.

La compagnia marittima a capo di questa iniziativa si chiama Lampedusa (Rederij Lampedusa) e proprio dall’isola italiana provengono le due imbarcazioni donate dal Governo italiano all’artista olandese Teun Castelain, ideatore del progetto.

Da un’idea semplice e brillante è nata una compagnia di crociera innovativa, che punta alla sensibilizzazione, all’integrazione e al divertimento! L’equipaggio è molto particolare: rifugiati o figli di rifugiati e olandesi che insieme trasportano turisti e residenti curiosi alla scoperta della storia di Amsterdam su due barche: Hedir (Stormy weather) e Al Hadj Juma (Mr Friday) .

Il focus di questi tour storico-artistici è il contributo dato alla città dagli immigrati e dai rifugiati. Amsterdam infatti grazie alla sua politica di tolleranza nei secoli è stata un polo di attrazione per moltissime minoranze, soprattutto religiose e ad oggi conta, non a caso, la presenza di 180 differenti nazionalità.

Ma le proposte della compagnia non si fermano qui, andando sul sito si può prenotare un brunch sulla nave ammiraglia Mr Friday oppure noleggiare una delle barche per una festa, un matrimonio o semplicemente per un incontro familiare. L’intento dell’equipaggio è continuare a diffondere storie: “Our goal is to bring another story, another reality to the Dutch waters where there is solely entertainment.”

I membri dell’equipaggio provengono dall’Olanda, dall’Eritrea, dall’Etiopia e dal Sudan. Per chi volesse avere piu informazioni può consultare il sito della compagnia cliccando qui.

Leggi anche

http://www.unhcr.org/news/stories/2016/9/57ce83194/boat-tours-highlight-amsterdams-refugee-past.html?platform=hootsuite

Vedi anche

CRI: il tracing bus il servizio telefonico per chiamare a casa

In arrivo a Torino il tracing bus della Croce Rossa Italiana che da gennaio 2017 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *