Home >> INFOrientarsi >> Strumenti utili >> Buone pratiche >> Refugee Phrasebook. Un frasario multilingue per una comunicazione immediata

Refugee Phrasebook. Un frasario multilingue per una comunicazione immediata

“Refugee Phrasebook”, un frasario multilingue open source, modificabile e adattabile che fornisce parole e frasi utili per richiedenti asilo e rifugiati appena arrivati in Europa.

Refugee Phrasebook
Refugee Phrasebook, il frasario multilingue per rifugiati

Un frasario multilingue open source, è questo il progetto “Refugee Phrasebook” (www.refugeephrasebook.de), lanciato online da un gruppo di persone con base a Berlino. Si tratta di un frasario che raccoglie parole e frasi utili per richiedenti asilo e rifugiati appena arrivati in Europa. Il vocabolario riguarda bisogni immediati quali orientarsi, presentarsi, dare o ottenere informazioni generali, bisogni medici e legali. Molte delle parole e frasi sono attualmente tradotte in 30 lingue.

Essendo un progetto open source che trova finanziamenti tramite il crowd founding, gli ideatori del sito non reclamano diritti d’autore, ma ne incoraggiano anzi la diffusione e l’utilizzo da parte di associazioni, organizzazioni e privati laddove possa essere d’aiuto nella comunicazione immediata, servendosi di una licenza Creative Commons (CCo). Gli utilizzatori hanno inoltre la possibilità di implementare le parole, le espressioni e le traduzioni, contribuendo ad arricchire le tabelle realizzate in Google Sheets. Si legge sul sito che dal lancio del frasario, «vista la richiesta di traduzioni da parte degli aiutanti, la lunghezza delle tabelle è più che triplicata da Agosto. Le frasi adesso includono un maggior range di temi, dal semplice “Ciao” al “Ho bisogno di vedere un dottore”, coprendo un generale set di frasi come di espressioni per bisogni giuridici e medici».

Il frasario online è inoltre adattabile alla stampa per una distribuzione e utilizzo cartaceo: si possono scaricare documenti pdf in versione ridotta per tematiche e/o lingue visitando le versioni già presenti nel Wikibook ed è possibile anche creare una versione personalizzata seguendo le istruzioni. Stanno poi nascendo alcune app per smartphones Android e iOS basate sui dati del Refugee Phrasebook per agevolarne l’uso su dispositivi mobili.

Se interessati a supportare il progetto o ad avere maggiori informazioni, è possibile contattare i coordinatori all’indirizzo e-mail info@refugeephrasebook.de.

Per approfondire:
Il sito del progetto: http://www.refugeephrasebook.de/

Vedi anche

Corridoi umanitari . Un’intervista per conoscere ciò che succede dopo l’arrivo in Italia

Vie di Fuga ha intervistato Daniele Albanese, responsabile dell’area internazionale della Caritas, per un resoconto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *