Home >> Rokstories prima >> Richiedenti asilo nell’UE: ancora in calo gli esiti positivi

Richiedenti asilo nell’UE: ancora in calo gli esiti positivi

Sono poco meno di 536 mila i richiedenti asilo che hanno chiesto protezione nell’UE+ a tre quarti dell’anno. Per il secondo mese consecutivo in calo gli esiti positivi.

 

Cliccare per ingrandire. Richiedenti asilo nell’UE+: serie storica mensile 2014-settembre 2017, % di richieste ripetute e % di richiedenti minori non accompagnati sul totale (fonte EASO, novembre 2017).

Arriva a 535.609 persone il bilancio (ancora con un certo margine di provvisorietà) dei richiedenti asilo nell’UE+ fra gennaio e settembre 2017. Il dato, di fonte EASO, si conferma molto al di sotto di quelli registrati nel 2016 e nel 2015 (v. il grafico).

Nell’ultimo mese, che nel complesso ha registrato una lieve diminuzione rispetto ad agosto, i Paesi di fuga più numerosi sono stati gli stessi del mese precedente, prima fra tutte la Siria seguita da Irak e Afghanistan. Ancora a seguire l’Eritrea, la Nigeria, Pakistan, Albania, Turchia, Bangladesh e Iran.

Settembre ha visto una sensibile diminuzione di richiedenti siriani  (1.900 in meno, -19%), afgani e albanesi (500 in meno per ciascuna cittadinanza) rispetto ad agosto, ma un aumento di eritrei (+ 500 persone).

Ancora in diminuzione, per la seconda volta consecutiva, la percentuale di esiti positivi sul totale delle domande di protezione esaminate sempre nell’UE+ nell’ultimo mese rispetto a un mese prima: il 36% contro il 38% di agosto (il dato comprende solo gli esiti dello status di rifugiato e della protezione sussidiaria, non la protezione umanitaria).

Come noto, la definizione “UE+”  comprende i Paesi dell’Unione Europea più Norvegia e Svizzera.

Allegato

La nuova serie mensile EASO (settembre 2017, file .pdf, in inglese)

Vedi anche

Formazione: Sicilia all’avanguardia con il Centro Mediterraneo La Pira

La Sicilia è la regione che accoglie di gran lunga il maggior numero di minori …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *