Home >> INFOrientarsi >> Dati e ricerche >> Richiedenti asilo: oltre 108 mila a febbraio nell'”UE+”

Richiedenti asilo: oltre 108 mila a febbraio nell'”UE+”

Più di 108 mila richiedenti asilo nell’UE più Svizzera e Norvegia: con i dati mensili relativi a febbraio, l’EASO ha delineato il possibile indicatore di tendenza per il 2016 prima della chiusura della “rotta dei Balcani”. Sono 1.255.640, invece, le persone che hanno chiesto protezione nell’UE in tutto il 2015.

Esiti_2_2016_UE_plus_EASO_3_2016
Cliccare per ingrandire: gli esiti delle domande d’asilo esaminate nel febbraio 2016, per nazionalità, nell’area “UE +” (UE a 28 paesi più Svizzera e Norvegia, fonte EASO, aprile 2016).

 

I nuovi dati mensili sulle richieste d’asilo nel mese di febbraio appena pubblicati dall’EASO hanno delineato un indicatore di tendenza per il 2016 prima della chiusura della “rotta dei Balcani” e dell’accordo UE-Turchia di marzo.

Dal 1° al 28 di febbraio hanno chiesto protezione nell’“UE+” circa 108.500 persone.

Una cifra per difetto, dal momento che si riferisce solo ai 28 Paesi al momento disponibili su un totale di 30 (gli Stati membri dell’UE più Svizzera e Norvegia), ma già più elevato del 10% rispetto a gennaio, dopo tre mesi di continua diminuzione. E pari a quello osservato all’inizio dell’estate 2015.

È ben del 50%, invece, l’aumento rispetto al febbraio del 2015.

I richiedenti siriani, iracheni e afghani (le tre nazionalità più numerose) formano insieme quasi il 60% del totale.

Iracheni sotto la “soglia”

Le domande d’asilo esaminate in prima istanza, sempre a febbraio e sempre nell'”UE+” sono state in tutto 83.600. Il dato è in crescita ininterrotta da sei mesi.

A febbraio si sono risolte con esito positivo il 59% delle domande.

Hanno ottenuto una forma di protezione il 99% dei siriani. Invece, per il secondo mese di seguito la percentuale degli esiti positivi per i richiedenti fuggiti dall’Irak si è attestata sotto il 75%, la soglia minima per l’ammissione di una nazionalità alla “ricollocazione” nei Paesi dell’UE secondo l’Agenda europea sulla migrazione.

Eurostat: il 2015 Paese per Paese

Rich_asilo_2015_UE_per_proven_EUROSTAT_3_2016.
Cliccare per ingrandire: i richiedenti asilo nell’UE nel 2015 per nazionalità di provenienza (fonte EUROSTAT, marzo 2016).

Come di consueto, una serie statistica sui richiedenti asilo nell’intero 2015 in ogni Paese dell’UE (più, scorporate, Norvegia e Svizzera) è stata pubblicata a marzo da Eurostat.

L’anno scorso hanno chiesto protezione in tutta l’Unione Europea 1.255.640 persone (oltre il doppio rispetto al 2014), di cui 441.800 nella sola Germania (+ 155%) e 83.245 in Italia (+ 31%).

Considerando i richiedenti asilo per milione di abitanti, il primo Paese è l’Ungheria (quasi 18 mila per milione). Seguono la Svezia (16 mila circa), l’Austria (10 mila), la Finlandia (6.000) e la Germania (5.400). L’Italia si colloca molto a distanza, con meno di 1.400 richiedenti per milione.

Allegati

EASO: latest asylum trends (aprile 2016, in inglese, file .pdf)

EUROSTAT: i richiedenti asilo nel 2015 (marzo 2016, in inglese, file .pdf)

Vedi anche

Richiedenti asilo ed esiti in Italia, i primi dati di gennaio-settembre 2017

Fra le cinque provenienze più numerose dei richiedenti asilo, di mese in mese si sono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *