Home >> Attualità >> News >> Rifugiati e migranti nel Mediterraneo: i segni dei tempi e la Storia

Rifugiati e migranti nel Mediterraneo: i segni dei tempi e la Storia

UNHCR_Mediterraneo_12_2015

La mappa e i diagrammi qui sopra, di fonte UNHCR (cliccare sull’immagine per ingrandire), “raccontano” a livello statistico quello che di recente la Fondazione Migrantes ha definito il «segno dei tempi» del 2015: l’arrivo di oltre un milione di rifugiati e migranti in Europa dal mar Mediterraneo (ma al dato di 1.008.616 arrivi via mare bisogna aggiungere circa 34 mila arrivi via terra in Bulgaria e Grecia dalla Turchia), ma anche la morte di quasi 4.000 persone che non ce l’hanno fatta a concludere la traversata.

Quattro su cinque sono fuggiti dai 10 Paesi del mondo che generano più rifugiati. Uno su due è siriano. Uno su quattro è un bambino o un ragazzo under 18, uno su sei è una donna.

Migrantes ha ricordato che si tratta pur sempre di un milione di persone su una popolazione di 500 milioni nella sola Unione Europea. Mentre «durante la Prima Guerra Mondiale i profughi e i rifugiati in Europa furono oltre 12 milioni  e ci fu una gara di solidarietà, anche nei nostri Paesi e comunità, all’ospitalità e all’accoglienza».

Leggi anche su Vie di fuga

Rifugiati e migranti: Italia 2015, i numeri della “non invasione”

Vedi anche

Richiedenti asilo ed esiti in Europa: per gli afghani è “asylum lottery”

La “lotteria dell’asilo” per gli afghani che cercano protezione nell’Europa “unita”, ma anche i primi dati …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *