Home >> Attualità >> Unione Europea: domande d’asilo, da gennaio a ottobre già più numerose che in tutto il 2013

Unione Europea: domande d’asilo, da gennaio a ottobre già più numerose che in tutto il 2013

Nuovo picco di richiedenti asilo nel territorio dell’“Ue +”: 72.300 nel solo mese di ottobre, più 44% rispetto all’ottobre 2013. In forte aumento le domande di protezione presentate da cittadini dei Balcani occidentali e dell’Ucraina.

Easo_12_2014

L’Easo (European Asylum Support Office) ha certificato in questi giorni un nuovo picco di richiedenti d’asilo nei 30 Paesi dell’“Ue +” (Unione Europea con Svizzera e Norvegia): nel solo mese di ottobre ne sono stati registrati 72.300, il 2% in più rispetto a settembre, ma il 44% in più rispetto a ottobre 2013.

Il totale di richiedenti registrato fra gennaio e ottobre di quest’anno supera già quello registrato in tutto il 2013.

Le provenienze

I richiedenti asilo siriani, anche se in diminuzione del 10% rispetto a settembre, continuano a costituire la nazionalità principale di uomini, donne e minori che chiedono protezione.

Fra settembre e ottobre è aumentato del 20% circa il secondo gruppo di provenienza, quello dei sei Paesi dei Balcani occidentali (Serbia, Kossovo, Bosnia-Erzegovina, Macedonia, Albania e Montenegro: nell’ultimo mese i richiedenti di quest’area sono stati 11.300, la cifra più alta mai registrata dal 2008, anno dell’elaborazione dei primi dati Eurostat. «L’aumento è dovuto in gran parte al numero elevato di richiedenti dal Kossovo e dalla Serbia».

In forte aumento anche i richiedenti fuggiti dall’Ucraina: più 16% rispetto a settembre. In diminuzione invece i richiedenti eritrei, scesi dagli 8.000 registrati a luglio ai 4.200 di ottobre.

I minori non accompagnati

Negli ultimi mesi è rimasta stabile, invece, la percentuale di minori non accompagnati rispetto a tutti i richiedenti asilo (4%; l’Easo specifica che il dato riguarda i ragazzi che al loro arrivo dichiarano di essere sotto i 18 anni). Si tratta soprattutto di afgani, siriani ed eritrei e chiedono asilo soprattutto in Svezia e in Germania.

Allegato

La serie di dati Easo per ottobre 2014 (dicembre 2014, in inglese, file .pdf)

Vedi anche

Corridoi umanitari, nuovo arrivo dalla Libia

Non si arresta il percorso di accoglienza che utilizza vie legali (e sicure) messo in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *