Home >> Attualità >> News >> Vie di fuga, si parte con “Le storie”

Vie di fuga, si parte con “Le storie”

Con le storie di un giovane ivoriano e di un rifugiato eritreo-etiope, il nostro osservatorio inaugura una sezione di testimonianze in prima persona di rifugiati.

lestorie_flux-ds01

Testimonianze in prima persona di esilio e di asilo: le propone la nuova sezione di Vie di fuga “Le storie” . Perché un rifugiato che accetta di raccontare e lasciar pubblicare (spesso un regalo non da poco!) quello che ha vissuto e che vive, aiuta a capire più di tanti dati e tante affermazioni di principio, o di pregiudizio: come è arrivato da noi questo giovane, quest’uomo, questa donna? Che cosa ha affrontato in viaggio, che cosa ha trovato in Italia o in Europa? Ma anche: perché è fuggito dal suo Paese, se se la sente di raccontarlo fuori di una Commissione territoriale?

lestorie_text02Tutte le testimonianze de “Le storie” sono raccolte dalla redazione di Vie di fuga. Le prime due oggi on line danno voce ad A. T., un giovane ivoriano di 25 anni che è fuggito dalla Libia e oggi, grazie anche all’aiuto di una famiglia italiana, ha una casa e un lavoro; e a G., un eritreo-etiope che nel Belpaese ha trovato asilo, ma per una casa e un lavoro, alla fine, è dovuto emigrare a Malta.

La sezione “Le storie” si apre dal banner nella banda di destra dell’homepage del nostro sito.

Vedi anche

Tutori volontari “orgogliosi” ma anche critici: su Vie di fuga il nuovo spazio “Tutore anch’io”

La sezione ha già iniziato a offrire notizie, segnalazioni di eventi e i calendari dei …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *