Home >> Rapporto sulla protezione internazionale in Italia 2014 – tutti gli articoli

Rapporto sulla protezione internazionale in Italia 2014 – tutti gli articoli

Copertina_17_11_2014 Anteprima
Rapporto 1/3
Rapporto 2/3
Rapporto 3/3

 

 

 

4 comments

  1. annalisa costabile

    vi prego, abolite dublino 2 che oltre a ledere i diritti umani è fonte di denaro per tutte le guerre del fondamentalismo islamico e della mafia internazionale e di questo perchè non se ne parla mai?

    • Gentile Annalisa,

      siamo d’accordo con lei che il regolamento di Dublino mette a rischio i diritti dei richiedenti asilo che incappano nelle sue “maglie”. Ma perché alimenterebbe anche le guerre del fondamentalismo e la mafia internazionale?

      Un grazie, intanto, per l’interesse con cui segue il nostro osservatorio, con un cordiale saluto.

      La redazione

  2. annalisa costabile

    è tristemente noto che vengano introdotti bambini solo per il traffico di organi e che molti immigrati vengano avviati al lavoro clandestino nelle campagne, è lecito supporre che la mafia abbia legami con il daesh anche per quanto riguarda il traffico di armi ed il riciclaggio

    • Gentile Annalisa,
      i traffici di persone sono terribili e diffusi, ma esistono prove acclarate di traffici verso l’Europa per trapianti d’organi (tranne forse casi isolati, in questi decenni)? A noi non risulta. Realisticamente ci sembra anche improbabile che il Daesh cerchi collegamenti con le mafie europee, e viceversa. Piuttosto, è reale lo scandalo dello sfruttamento di migranti nelle nostre campagne, che lei ricorda. Ma qui, più che di traffici a questo fine, purtroppo si tratta di fenomeni che trovano terreno fertile una volta che migranti e rifugiati sono arrivati in Italia, fra la carenza di risposte di accoglienza e integrazione dignitosa e gli scarsi scrupoli di alcuni settori economici che in questa situazione hanno buon gioco, appunto, nello sfruttarli. Così il regolamento “Dublino”, con i suoi trasferimenti, per chiarezza crediamo che vada visto “solo” per quello che è: una normativa interna dell’Unione europea che pone pesanti interrogativi circa i diritti umani e circa gli squilibri che genera in alcuni Paesi membri rispetto ad altri. Il che, ci sembra, è già abbastanza.
      Sempre un grazie per la sua attenzione, con un saluto!
      La redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *