Eritrea

Popolazione: 65.000.000
Capitale: Asmara

 

Eritrea

L’Eritrea è uno stato dell’Africa orientale; confina a sud con l’Etiopia e Gibuti, ad est con il Mar rosso, a ovest con il Sudan. L’Eritrea ha ottenuto per ben due volte l’indipendenza: la prima nel 1952 dal protettorato britannico e la seconda nel 1993 anno in cui ottiene definitivamente l’indipendenza dall’Etiopia.

L’Eritrea è suddivisa in sei regioni: 1 Centrale, 2 Sud, 3 Gash- Barka, 4 Anseba, 5 Mar Rosso Settentrionale, 6 Mar Rosso Meridionale. Ogni regione è controllata da dal Presidente attraverso la nomina di un amministratore locale. La regione del Gash- Barka è il teatro dei maggiori conflitti legati alla contesa dei confini con L’Etiopia.

 

 

 

Tipo di governo e politica recente in Eritrea
L’Eritrea ha ottenuto l’indipendenza dall’Etiopia nel 1993 a seguito di un referendum popolare. L’attuale presidente dell’Eritrea è Isaias Afewerki unico eletto fin ora dalla dichiarazione di indipendenza; esponente del Fronte popolare per la democrazia e la giustizia, fondato dal riassetto del vecchio Fronte popolare di liberazione dell’Eritrea, poi diventato Fronte popolare per la democrazia e la giustizia (PFDJ) è impegnato da anni nella dura lotta per l’indipendenza. Tanto intensa è l’attività di Afewerki per l’indipendenza dello stato quanto è dura la repressione nei confronti della stessa popolazione.

Militari eritrei ai lavori forzati

Attraverso le elezioni sospette di brogli elettorali il capo dello Stato ha lentamente stretto l’intera popolazione sotto una vera e propria dittatura che ferocemente si oppone ad ogni forma di opposizione politica. Gli osservatori internazionali hanno denunciato nel 2009 le gravissime condizioni in cui si trova il popolo eritreo costretto alla leva obbligatoria per aumentare l’efficienza dell’Esercito in costante allarme per la contesa dei confini con l’Etiopia. Il popolo eritreo sta vivendo una vera e propria crisi umanitaria a causa delle gravi limitazioni della libertà che sfocia spesso in gravi episodi di torture, lunghe prigionie, e continue violazioni dei diritti umani.

Guerra
L’Eritrea ottiene l’indipendenza dal protettorato britannico nel 1952, nel 1960 viene federata con l’Etiopia e dichiarata semplice provincia amministrativa e nel 1962 definitivamente annessa dallo stato confinante. Sin da subito cominciano ad organizzarsi i primi gruppi armati di ribelli per difendere l’indipendenza; prima sotto il nome di Fronte di liberazione eritreo (FLE) spodestato a seguito di una sanguinosa guerra civile nel 1972 dal Fronte popolare di liberazione eritrea ( FPLE). È proprio il FPLE a guidare l’Eritrea nello scontro con l’Etiopia che durò più di trent’anni e viene tutt’ora considerata una delle più sanguinose guerre avvenute nel continente africano. Il conflitto si interruppe quasi definitivamente nel 1991 anno in cui l’Esercito eritreo riuscì a liberare il Paese. Ne seguì, nel 1993, il primo referendum popolare attraverso cui la quasi totalità dei votanti espresse il proprio favore per l’indipendenza dell’Eritrea. I rapporti tra i due stati rimasero pacifici per pochi anni fino al riaccendersi nel 1998 di un nuovo conflitto asprissimo legato principalmente alla contesa di territori di confine (Regione del Gash- Barka) . Le perdite umane di civili e soldati da parte dell’Eritrea furono enormi legate principalmente alla disparità di forse impegnate tra i due stati. Il conflitto si interrompe nel 2000 a seguito dell’intervento dell’ONU che impose ai due stati un Cessate il fuoco a seguito degli accordi di Algeri. Il compito di tracciare nuovamente i confini viene affidato ad una Commissione Internazionale che viene accettato dall’Eritrea, ma non dall’Etiopia. Da allora la condizione rimane invariata sia sul piano dei confini sia sul rapporto tra i i due Stati .

Profughi sfollati e rifugiati
I rapporti statistici prodotti dall’UNHCR[1] evidenziano un numero altissimo di richieste d’asilo provenienti dall’Eritrea fra il 2007 e il 2009 anni in cui l’oppressione da parte del Governo si inasprisce. Questo dato non tiene però conto dei circa 30.000 sfollati interni al paese che hanno prodotto i diversi conflitti e le centinaia di profughi che sono riusciti a fuggire nei paesi limitrofi all’Eritrea. Nel 2010 il numero di richieste si è abbassato di due migliaia rimanendo comunque fra il novero dei paesi per numero di domande presentate nei 44 Paesi industrializzati.

Anno 2011: 5.208 domande di cui 187 registrate in Italia
2010: 4.406 domande (dato assente per l’Italia)
2009: 10.164 domande di cui 824 registrate in Italia
2008: 12.249 domande di cui 2.739 registrate in Italia
2007: 6.896 domande (dato assente per l’Italia)
2006: 6.317 domande (dato assente per l’Italia)
2005: 3.977 domande (dato assente per l’Italia)

NOTE

1.  Dati aggiornati secondo il rapporto a cura di UNHCR, Asylum Levels and Trends in Industrialized Countries 2011 – Origin of asylum applications lodged in the European Union (27) | 2010 and 2011 – TABLE 5.   ↑
  Ultimo aggiornamento Mercoledì, 26 Settembre 2012 17:37  

Lascia un commento


Bookmark and Share

Categorie

Archivio

Attualità

La Germania: “Attenzione nell’espellere in Italia le ‘famiglie Dublino’”

Per la prima volta in quasi vent’anni, due sentenze della Corte costituzionale tedesca esprimono dubbi sull’espulsione verso “Paesi terzi sicuri”. In questione ci sono le carenze del sistema d’accoglienza italiano per quanto riguarda le famiglie con bambini piccoli soggette al “Regolamento di Dublino”.
17 Ottobre 2014

E’ uscito il nuovo numero di Africa e Mediterraneo

Sarà presentato il 13 ottobre, a Bologna (h 15.30 – Salone della Guardia della Prefettura di Bologna – via IV Novembre 24) il nuovo numero della rivista Africa e Mediterraneo, il cui dossier è dedicato al tema “L’Italia e il sistema europeo comune di asilo”, per riflettere sull’accoglienza e la protezione dei richiedenti asilo, un [...]
09 Ottobre 2014

Easo: richiedenti asilo ucraini, più 32% in un mese

Pubblicati dall’Ufficio europeo della Valletta i primi dati mensili per l’Ue che coprono buona parte della scorsa estate. Nel territorio dell’”UE+”, nell’ultimo mese preso in esame i richiedenti asilo di tutte le nazionalità sono stati poco meno di 60 mila. Per la prima volta dall’inizio della crisi in Ucraina, i richiedenti protezione nella vicina Polonia [...]
08 Ottobre 2014

IX Rapporto “Italiani nel mondo”

Martedì 7 ottobre 2014, ore 10.00 presso l’Auditorium “V. Bachelet” , The Church Palace – Domus Mariae di  via Aurelia 481, si tiene la presentazione del IX Rapporto Italiani nel Mondo 2014. Si tratta di un’opera corposa che contiene 47 approfondimenti elaborati da 55 autori dall’Italia e dall’estero ed è uno strumento culturale che si [...]
05 Ottobre 2014

Mediterraneo, la frontiera più letale del mondo

 «Sento cose che non si possono dire perché non si trovano le parole per dirle…»: papa Bergoglio, 1° ottobre 2014 in Vaticano, alla delegazione di superstiti e familiari del naufragio del 3 ottobre 2013 nelle acque di Lampedusa: 368 morti accertati fra migranti e potenziali richiedenti asilo, più una ventina di dispersi…
03 Ottobre 2014

Cie: si riduce il periodo di permanenza?

Il Senato ha approvato la riduzione a 90 giorni del tempo massimo di trattenimento all’interno dei Centri di identificazione e di espulsione. Tale emendamento a firma Manconi-Lo Giudice è passato all’interno dell’articolo 3 comma E della Legge Europea (ddl 1533), e riduce il periodo massimo di trattenimento degli stranieri all’interno dei CIE a tre mesi.
02 Ottobre 2014

“Asylum trends” nei Paesi industrializzati: “Solo un tassello nella geografia dello sradicamento forzato”

Sono 330.700 i richiedenti asilo registrati nel primo semestre dell’anno nei 44 Paesi più industrializzati del mondo: il 24% in più rispetto a un anno fa. Ma intanto, malgrado le disastrose guerre civili e regionali in Siria e in Irak, l’Africa rimane il continente con il maggior numero di rifugiati e sfollati.
29 Settembre 2014

Diritto allo studio e rifugiati politici

 Il ministero dell’Istruzione ha fatto un po’ d’ordine rispetto alla possibilità di accesso agli studi per gli stranieri dei Paesi in  via di sviluppo e per i rifugiati politici. con decreto dell’1 agosto 2014 il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato la lista aggiornata dei Paesi in via di sviluppo che riguarda gli studenti stranieri provenienti dai [...]
27 Settembre 2014
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

Leggi gli articoli in altri modi:

oppure
Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere la newsletter: