Diritto d’asilo, i primi dati europei per il 2011/1: 66.000 richiedenti in tre mesi

In Italia i richiedenti asilo aumentano, ma l’istituto di statistica dell’UE conferma ancora una volta che la pressione sul nostro Paese non è certo da record: nel solo primo trimestre 2011 in Germania i richiedenti sono stati più di 12.000 e in Francia circa 14.300, contro i circa 4.000 registrati in Italia.

Aumentano i richiedenti asilo in Italia. La prima serie Eurostat su dati 2011 segnala che nel solo primo trimestre dell’anno sono stati quasi 4.000, il 57% in più rispetto al quarto trimestre del 2010 e il 47% in più rispetto al primo trimestre 2010 (quest’ultimo è il periodo più corretto per fare raffronti, dal momento che è l’analogo stagionale del primo trimestre 2011). Oltre la metà dei richiedenti del primo trimestre 2011, quasi 2.200, sono fuggiti dalla Tunisia.

Ma l’istituto di statistica dell’UE conferma ancora una volta che la pressione sull’Italia non è certo da record se paragonata ai numeri di altri Paesi europei. In Germania nel solo primo trimestre 2011 i richiedenti sono stati oltre 12.000 (+ 29% rispetto al primo trimestre dell’anno precedente) e in Francia circa 14.300 (+ 7% rispetto al primo trimestre 2010). Superano i dati italiani anche il Belgio (7.450 richiedenti), il Regno Unito (6.400) e la Svezia (6.200).

I quasi 66.000 richiedenti che hanno chiesto protezione nei confini dell’Unione fra gennaio e marzo 2011 (+ 6% rispetto allo stesso periodo del 2010) provengono da oltre 140 Paesi extracomunitari, e soprattutto dall’Afghanistan (quasi 5.800 persone), dalla Federazione Russa (4.100 persone), dall’Irak e dalla Serbia (3.800 persone da ognuno dei due Paesi) e dal Kossovo (3.100). Oltre un quarto dei 66.000 richiedenti sono minori: oltre 12.100 bambini fino a 13 anni e pià di 4.500 adolescenti di 14-17 anni, per un totale di 16.600 under 18.

Quanto ai mesi successivi al marzo 2011 i Latest Monthly Data dell’Unhcr riportano già il numero di richiedenti  sino al mese di aprile:  circa 1.450 in Italia,  ma  quasi 4.700 in Francia e quasi 3.000 in Germania.  Per i mesi ancora successivi, quasi tutti i Paesi industrializzati hanno già fornito i dati almeno sino a giugno, ma non l’Italia, e dunque raffronti più aggiornati non sono possibili.

  Ultimo aggiornamento Domenica, 09 Ottobre 2011 21:57  
Bookmark and Share

Categorie

Archivio

Attualità

“Asylum trends” nei Paesi industrializzati: “Solo un tassello nella geografia dello sradicamento forzato”

Sono 330.700 i richiedenti asilo registrati nel primo semestre dell’anno nei 44 Paesi più industrializzati del mondo: il 24% in più rispetto a un anno fa. Ma intanto, malgrado le disastrose guerre civili e regionali in Siria e in Irak, l’Africa rimane il continente con il maggior numero di rifugiati e sfollati.
29 Settembre 2014

Diritto allo studio e rifugiati politici

 Il ministero dell’Istruzione ha fatto un po’ d’ordine rispetto alla possibilità di accesso agli studi per gli stranieri dei Paesi in  via di sviluppo e per i rifugiati politici. con decreto dell’1 agosto 2014 il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato la lista aggiornata dei Paesi in via di sviluppo che riguarda gli studenti stranieri provenienti dai [...]
27 Settembre 2014

Asilo in Europa: la “teoria” e la pratica

Fra gennaio e agosto 2014 le domande d’asilo nell’Ue hanno registrato un aumento poco inferiore al 30% rispetto allo stesso periodo del 2013. Una domanda su cinque è stata presentata da cittadini siriani. Intanto, il rapporto “Mind the gap” 2013-2014 del progetto Aida ha denunciato un persistente divario fra la “teoria” del Sistema comune europeo [...]
26 Settembre 2014

Laboratorio 2014-2015 sul diritto d’asilo, si parte

“Glossario, convenzione di Ginevra e quadro legislativo di base”,  “Procedure, accoglienza e progetti in Italia” e “Approfondimento legislativo: quali sono le novità?” sono i temi dei primi tre incontri. L’iniziativa, che proseguirà fino a dicembre, è organizzata dal Corso di laurea magistrale in Antropologia culturale ed etnologia dell’Università di Torino e dal Coordinamento “Non solo [...]
24 Settembre 2014

Più velocità e meno diritti

A fine agosto è entrato in vigore il decreto legge n.119/2004 che contiene, tra le altre cose, anche le nuove disposizioni in merito alla procedura di riconoscimento della protezione internazionale. Si tratta di novità non di poco conto e che riguardano la sfera dei diritti delle persone: è infatti evidente che un cambiamento di procedura, [...]
22 Settembre 2014

Da “Mare Nostrum” a “Frontex Plus”

“Siamo entrati nella terza guerra mondiale”: sono queste la parole che solo poche settimana fa Papa Francesco ha pronunciato a proposito dei numerosi conflitti in atto nel mondo. Un’espressione forte, che non lascia dubbi e che interroga tutti sulle conseguenze di questa guerra “a pezzetti”.
03 Settembre 2014

Prima del mare, le rotte del deserto

Una ricerca del network Global Initiative against Transnational Organized Crime ha esplorato le “rotte del deserto” dei migranti e richiedenti asilo che partono dall’Africa subsahariana. Nell’80% dei casi i loro viaggi sono “facilitati” da trafficanti e gruppi criminali.
01 Settembre 2014

Gaza: 475 mila sfollati prima del cessate il fuoco

La chiamano “guerra asimmetrica”: a partire dall’8 luglio, raid aerei, lanci di razzi e di mortaio hanno causato da un lato del “fronte” 2.104 morti palestinesi, in gran parte civili (1.462, fra cui 500 minori e 250 donne) e dall’altro la morte di 64 soldati e quattro civili israeliani. Mentre gli sfollati interni hanno superato [...]
27 Agosto 2014
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

Leggi gli articoli in altri modi:

oppure
Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere la newsletter: