Home >> Dal mondo >> Europa >> 3° rapporto Migreurop: l’esternalizzazione dei controlli alle frontiere

3° rapporto Migreurop: l’esternalizzazione dei controlli alle frontiere

Il nuovo rapporto annuale della rete Migreurop esplora due volti poco noti del subappalto dei controlli migratori alle porte dell’Unione europea: i centri di “accoglienza” e detenzione in Turchia, al confine con l’Iran, e il trattamento riservato ai passeggeri clandestini sulle navi.

E’ stato presentato nei giorni scorsi, a Parigi, il 3° rapporto annuale della rete europea Migreurop, dal titolo Aux bords de l’Europe: l’externalisation des contrôles migratoires. Il rapporto è dedicato allo studio di due volti poco noti del subappalto dei controlli migratori alle porte dell’Unione europea.

Il primo si rivela alla frontiera orientale della Turchia con l’Iran dove, a seguito delle pressioni dell’Ue, il governo di Ankara costruisce centri di “accoglienza” e di detenzione per migranti che, malgrado il pretesto di migliorare le condizioni di vita degli esiliati, “assomigliano in tutto e per tutto luoghi di emarginzaione e privazione della libertà”.

La seconda parte del rapporto, invece, denuncia il trattamento riservato ai “passeggeri clandestini” a bordo di imbarcazioni della marina mercantile e nei porti europei: “Dalla prevenzione alla cattura, dalla detenzione fino al rinvio in patria, il regime applicato a queste persone è caratterizzato da un accresciuto – e inaccettabile – trasferimento della responsabilità dagli Stati a società private”.

La rete Migreurop ha sede a Parigi ed è costituita da 39 associazioni di 13 Paesi (per l’Italia l’Asgi, Melting Pot e l’Arci) e da adesioni individuali.

In questi giorni Migreurop ha anche diffuso on line l’edizione integrale del suo 2° rapporto annuale (2009-2010) dal titolo Aux frontières de l’Europe. Contrôles, enfermements, expulsions.

Collegamenti:

Aux bords de l’Europe : l’externalisation des contrôles migratoires (presentazione, file .pdf)

Aux frontières de l’Europe. Contrôles, enfermements, expulsions (2° rapporto annuale 2009-2010, edizione integrale, file .pdf)

Vedi anche

Richiedenti asilo ed esiti in Europa: per gli afghani è “asylum lottery”

La “lotteria dell’asilo” per gli afghani che cercano protezione nell’Europa “unita”, ma anche i primi dati …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *