Home >> Attualità >> News >> Tratta e grave sfruttamento, il nuovo bando delle Pari opportunità

Tratta e grave sfruttamento, il nuovo bando delle Pari opportunità

È aperto il nuovo bando per il finanziamento di progetti nell’ambito del “Programma unico di emersione, assistenza e integrazione sociale delle vittime di tratta e grave sfruttamento”. 

È on line il nuovo bando per progetti di assistenza a favore delle vittime della tratta, per assicurare loro, in via transitoria, «alloggio, vitto e assistenza sanitaria e, successivamente, la prosecuzione dell’assistenza e dell’integrazione sociale».

Destinatari dei progetti sono gli stranieri e i cittadini di cui all’art. 18 (comma 6-bis) del DLgs n. 286 del 25 luglio 1998, vittime dei reati previsti dagli artt. 600 e 601 del Codice penale, o che versano nelle ipotesi di cui al comma 1 dello stesso articolo 18; sono inclusi anche i richiedenti protezione internazionale, i titolari di protezione internazionale o umanitaria e le persone individuate come vittime o potenziali vittime di tratta al momento dello sbarco o presso aree di frontiera terrestre.

I progetti possono essere proposti da Regioni e Province autonome, Comuni, Città metropolitane, Comunità montane, unioni di Comunità montane, unioni di Comuni e loro consorzi, ma anche dai soggetti privati convenzionati iscritti nell’apposita sezione del Registro delle associazioni e degli enti che svolgono attività a favore degli immigrati (art. 52 del DPR n. 394 del 31 agosto 1999).

Le proposte progettuali dovranno pervenire al Dipartimento per le Pari opportunità entro il 25 settembre 2017.

Nei giorni scorsi il Dipartimento ha organizzato un info day rivolto a tutti gli interessati (info: segreteriatratta@governo.it).

Collegamenti

Vedi anche

Tutori volontari: “La mia esperienza? Noi per loro, loro per noi”

Nello spazio “Tutore anch’io” (qui a destra nell’homepage) la testimonianza di Roberta Lo Bianco, tutrice …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *