Les éclats (Ma gueule, ma révolte, mon nom)

Les eclats (ma gueule, ma révolte, mon nom)

Les éclats (Ma guele, ma révolte, mon nom) – di Sylvain George – Documentario – Francia 2011 – 84′

Al Torino Film Festival 2011 è stato presentato l’ultimo lavoro di Sylvain George – Les éclats. (Ma gueule, ma révolte, mon nom) – che è anche il documentario conclusivo del trittico composto da L’Impossible (2009) e Qu’ils reposent en révolte (2010).

Sylvain George ha lavorato su queste tre opere per dieci anni, cercando una forma cinematografica assolutamente personale in grado di (ri)dare dignità ai suoi protagonisti: i migranti, ossia individui spogliati dall’Europa di ogni diritto e ridotti a quello stato definito da Benjamin di «nuda vita».

Les éclats è ambientato a Calais, una città del nord della Francia balzata alle cronache nel 2002 quando Nicolas Sarkozy (allora Ministro degli Interni) aveva fatto chiudere un campo per stranieri gestito dalla Croce Rossa. Calais è la porta per entrare in Gran Bretagna, meta agognata da moltissimi migranti. È la città delle attese infinite, di una vita lasciata in sospeso per un futuro tenuto ancora più sospeso dall’illegalità, dalla possibile morte, dalla burocrazia europea. Il documentario di George racconta questa quotidianità, in frammenti: retate, cacce all’uomo, arresti, tribunali, attese, bagni e ancora retate e speranze che si affievoliscono fino a spegnersi.

Il regista tenta di rendere conto di questa realtà e di mostrare in maniera concreta – riuscendo a evitare una spettacolarizzazione – quali sono le conseguenze sulle persone (sulla carne, sulla vita e sulla morte) delle politiche migratorie in Europa. Sylvain George prende il Regolamento Dublino, che lega chi fa domanda di asilo a un solo Paese europeo, e racconta le sue conseguenze dirette che sono gesti quotidiani di automutilazione. Pur di mantenere la libertà i migranti si bruciano i polpastrelli, la propria carne che rischia di diventare causa di prigionia è eliminata a forza, con estrema violenza.

Il rifugiato è al centro del lavoro di Sylvain George e funziona come cartina di tornasole per costruirsi un’idea sulle democrazie europee. Lo schema narrativo prescelto è in rottura con la linearità inizio/mezzo/fine, non è legato a principi di causa-effetto ma compone un ritratto attraverso dei frammenti (les éclats) “che si scontrano e si intrecciano nel tempo e nello spazio”. Questo ha un senso da un punto di vista politico e non solo cinematografico perché supera un’abusata rappresentazione dei migranti che spinge su toni compassionevoli ma mai umani.

  Ultimo aggiornamento Mercoledì, 07 Novembre 2012 17:14  
Tag:  ,

Lascia un commento


Bookmark and Share

Categorie

Archivio

Attualità

Da Mare Nostrum a Triton, ma non è la stessa cosa…

Partirà dal primo novembre l’operazione Triton, concordata tra le autorità italiane e l’agenzia Frontex, per il controllo dei flussi migratori nel Mediterraneo. Contemporaneamente il Governo italiano ha anunciato la chiusura di Mare Nostrum, l’operazione di ricerca e soccorso in mare che in questi mesi ha salvato migliaia di vite umane al largo delle coste italiane.
28 Ottobre 2014

Cie: “90 giorni, un passo avanti verso l’abolizione”

L’art. 3 della Legge Europea 2013-bis, approvata definitivamente, porta da 18 mesi a 90 giorni il limite massimo per il “trattenimento” di un migrante nei Centri di identificazione ed espulsione. Quest’anno, nei pochi Cie rimasti aperti, da gennaio all’estate sono stati “trattenuti” oltre 2.100 migranti e ne sono stati rimpatriati poco più di mille.
24 Ottobre 2014

Non accompagnati richiedenti asilo: sempre di più in Europa

Fra i richiedenti asilo nel territorio dell’Unione Europea gli under 18 non accompagnati sono aumentati dal 3% al 4% circa negli ultimi sei mesi. In Italia ha analizzato l’accoglienza dei Msna nei comuni il V rapporto Anci-Cittalia.
24 Ottobre 2014

“Isolamente accogliente”: news dalla Sicilia

Viedifuga.org ospita il link di “Isolamente accogliente”, il nuovo progetto della Fondazione Migrantes. Nella presentazione di questa iniziativa di comunicazione e sensibilizzazione si legge: “si tratta di una finestra aperta per raccontare la realtà di una regione, la Sicilia, che a motivo della sua posizione geografica, è chiamata a svolgere un ruolo unico per quanto [...]
21 Ottobre 2014

La Germania: “Attenzione nell’espellere in Italia le ‘famiglie Dublino’”

Per la prima volta in quasi vent’anni, due sentenze della Corte costituzionale tedesca esprimono dubbi sull’espulsione verso “Paesi terzi sicuri”. In questione ci sono le carenze del sistema d’accoglienza italiano per quanto riguarda le famiglie con bambini piccoli soggette al “Regolamento di Dublino”.
17 Ottobre 2014

E’ uscito il nuovo numero di Africa e Mediterraneo

Sarà presentato il 13 ottobre, a Bologna (h 15.30 – Salone della Guardia della Prefettura di Bologna – via IV Novembre 24) il nuovo numero della rivista Africa e Mediterraneo, il cui dossier è dedicato al tema “L’Italia e il sistema europeo comune di asilo”, per riflettere sull’accoglienza e la protezione dei richiedenti asilo, un [...]
09 Ottobre 2014

Easo: richiedenti asilo ucraini, più 32% in un mese

Pubblicati dall’Ufficio europeo della Valletta i primi dati mensili per l’Ue che coprono buona parte della scorsa estate. Nel territorio dell’”UE+”, nell’ultimo mese preso in esame i richiedenti asilo di tutte le nazionalità sono stati poco meno di 60 mila. Per la prima volta dall’inizio della crisi in Ucraina, i richiedenti protezione nella vicina Polonia [...]
08 Ottobre 2014

IX Rapporto “Italiani nel mondo”

Martedì 7 ottobre 2014, ore 10.00 presso l’Auditorium “V. Bachelet” , The Church Palace – Domus Mariae di  via Aurelia 481, si tiene la presentazione del IX Rapporto Italiani nel Mondo 2014. Si tratta di un’opera corposa che contiene 47 approfondimenti elaborati da 55 autori dall’Italia e dall’estero ed è uno strumento culturale che si [...]
05 Ottobre 2014
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

Leggi gli articoli in altri modi:

oppure
Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere la newsletter: