Les éclats (Ma gueule, ma révolte, mon nom)

Les eclats (ma gueule, ma révolte, mon nom)

Les éclats (Ma guele, ma révolte, mon nom) – di Sylvain George – Documentario – Francia 2011 – 84′

Al Torino Film Festival 2011 è stato presentato l’ultimo lavoro di Sylvain George – Les éclats. (Ma gueule, ma révolte, mon nom) – che è anche il documentario conclusivo del trittico composto da L’Impossible (2009) e Qu’ils reposent en révolte (2010).

Sylvain George ha lavorato su queste tre opere per dieci anni, cercando una forma cinematografica assolutamente personale in grado di (ri)dare dignità ai suoi protagonisti: i migranti, ossia individui spogliati dall’Europa di ogni diritto e ridotti a quello stato definito da Benjamin di «nuda vita».

Les éclats è ambientato a Calais, una città del nord della Francia balzata alle cronache nel 2002 quando Nicolas Sarkozy (allora Ministro degli Interni) aveva fatto chiudere un campo per stranieri gestito dalla Croce Rossa. Calais è la porta per entrare in Gran Bretagna, meta agognata da moltissimi migranti. È la città delle attese infinite, di una vita lasciata in sospeso per un futuro tenuto ancora più sospeso dall’illegalità, dalla possibile morte, dalla burocrazia europea. Il documentario di George racconta questa quotidianità, in frammenti: retate, cacce all’uomo, arresti, tribunali, attese, bagni e ancora retate e speranze che si affievoliscono fino a spegnersi.

Il regista tenta di rendere conto di questa realtà e di mostrare in maniera concreta – riuscendo a evitare una spettacolarizzazione – quali sono le conseguenze sulle persone (sulla carne, sulla vita e sulla morte) delle politiche migratorie in Europa. Sylvain George prende il Regolamento Dublino, che lega chi fa domanda di asilo a un solo Paese europeo, e racconta le sue conseguenze dirette che sono gesti quotidiani di automutilazione. Pur di mantenere la libertà i migranti si bruciano i polpastrelli, la propria carne che rischia di diventare causa di prigionia è eliminata a forza, con estrema violenza.

Il rifugiato è al centro del lavoro di Sylvain George e funziona come cartina di tornasole per costruirsi un’idea sulle democrazie europee. Lo schema narrativo prescelto è in rottura con la linearità inizio/mezzo/fine, non è legato a principi di causa-effetto ma compone un ritratto attraverso dei frammenti (les éclats) “che si scontrano e si intrecciano nel tempo e nello spazio”. Questo ha un senso da un punto di vista politico e non solo cinematografico perché supera un’abusata rappresentazione dei migranti che spinge su toni compassionevoli ma mai umani.

  Ultimo aggiornamento Mercoledì, 07 Novembre 2012 17:14  
Tag:  ,

Lascia un commento


Bookmark and Share

Categorie

Archivio

Attualità

L’Adriatico? Non è frontiera d’asilo

Nei porti di Venezia, Ancona, Bari e Brindisi nel 2013 sono stati fermati 1.317 migranti irregolari. Otto su 10 sono stati riconsegnati alla Grecia in base a un discusso accordo bilaterale. Medu: “La maggior parte avrebbero avuto tutti i requisiti per chiedere protezione in Italia”.
23 Aprile 2014

Diritto d’asilo, diritto al lavoro

Abbiamo presentato di recente un rapporto del Consiglio d’Europa sul tema “lavoro e diritto d’asilo”, un documento che non cita l’Italia. Ma che cosa succede nel Belpaese?
16 Aprile 2014

Basta con le politiche dell’emergenza. I comunicati stampa dei coordinamenti del Piemonte e della Lombardia

Le ondate di sbarchi degli ultimi mesi (ndr le ultime stime ufficiali parlano di 18.000 arrivi) hanno fatto emergere, in una maniera lampante, una contraddizione foriera di critiche e di dubbi: ancora  una volta le scelte politiche delle istituzioni italiane si stanno orientando sull’emergenza. Riportiamo qui i comunicati del Coordinamento Non solo Asilo della regione [...]
12 Aprile 2014

Asilo, i primi dati 2014 nell’Ue “allargata”

Per i primi mesi dell’anno i dati dell’Easo confermano l’elevatissima incidenza di richiedenti siriani nell’area dell’Unione europea “allargata” (i 28 Paesi membri più Svizzera e Norvegia). Ma i Balcani occidentali si confermano come la macro-regione da cui provengono più richiedenti. Il “nuovo” flusso di richiedenti dal Gambia.
12 Aprile 2014

Rimpatri: 39 le “operazioni congiunte” di Frontex nel 2013

Fra 2006 e 2013, le operazioni congiunte di rimpatrio forzato coordinate dall’agenzia per il controllo delle frontiere dell’Ue sono state 209, con 10.855 migranti rimpatriati.
07 Aprile 2014

Per un disguido tecnico…

Per un disguido tecnico, nel fine settimana il sito di Vie di fuga non è stato consultabile on line. Risolto il problema, ce ne scusiamo con tutti i lettori.
07 Aprile 2014

Storie di fuga, storie “italiane”

Una storia di guerra e di esilio raccontata dal protagonista, un giovane rifugiato del Sierra Leone. Ma anche una storia molto “italiana”: lo sbarco, il Cara, il pezzo di carta della protezione umanitaria, la liberazione dalla strada solo grazie a un incontro fortunato. E adesso, il lavoro faticoso «di ricostruire per l’ennesima volta la mia [...]
01 Aprile 2014

Tutti i muri del mondo – Iran e Pakistan

Alto tre metri e lungo 700 chilometri. Uno spessore di 90 centimetri, composto da terra e pietra, con fossati, filo spinato e postazioni della polizia iraniana per tutta la lunghezza. Questo è il muro, operativo da circa 4 anni, tra Iran e Pakistan, eretto come naturale prosecuzione della politica di protezione iniziata con la costruzione [...]
26 Marzo 2014
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

Leggi gli articoli in altri modi:

oppure
Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere la newsletter: